Le telecamere lo inquadrano: a Mantova denunciato il molestatore

Insegue a piedi e terrorizza una ragazza, poi assale il passante che la soccorre Il 30enne nigeriano aveva precedenti. Via all’iter per l’espulsione dall’Italia

MANTOVA. Prima la testimonianza della ragazza molestata e del passante aggredito, poi la caccia al fotogramma tra le registrazioni delle telecamere di sorveglianza. Infine l’album dei pregiudicati mostrato alle due vittime. «È lui, sono sicura» ha detto la ragazza puntando il dito sulla foto segnaletica di D.I., 30enne nigeriano da pochi mesi domiciliato a Mantova. Questo, in estrema sintesi, il percorso delle indagini, condotte dagli investigatori della squadra mobile e dal personale dell’ufficio prevenzione generale della questura, che nel breve arco di tre giorni hanno portato all’identificazione dell’uomo che sabato ha inseguito per mezzo chilometro e molestato una ventenne, uscita sotto shock dall’esperienza. A portare al molestatore in tempi rapidi anche una circostanza: la polizia lo conosceva già perché pregiudicato per spaccio e detenzione di stupefacenti, molestie, disturbo alle persone, minacce e lesioni. Al curriculum di reati si aggiunge ora la denuncia per molestie alla ragazza e per percosse e danneggiamento nei confronti del soccorritore.

La vicenda risale al tardo pomeriggio di sabato. La ventenne percorreva via dei Mulini diretta verso il centro storico quando è stata avvicinata dall’uomo che cercava di attaccare discorso e le chiedeva con insistenza il numero di telefono. Inutile allungare il passo, lui continuava a starle dietro e a bersagliarla di richieste. In piazza D’Arco la giovane ha incrociato un uomo e chiesto aiuto. Il passante, un 45enne di città, ha chiamato la polizia e poi è intervenuto. Risultato: s’è preso una manata in faccia e quando gli occhiali gli sono caduti, l’aggressore glieli ha frantumati con un piede. Poi la fuga.


Il questore Paolo Sartori ha dato disposizioni per avviare la procedura di espulsione del trentenne dal territorio nazionale.


 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi