Mantova, Tonelli lascia l’M5S: «È in stato comatoso»

Tonelli non va nel gruppo misto, ma fa di più: resta al suo posto e cambia nome al gruppo, da Cinque Stelle a Indipendente. La goccia che ha fatto traboccare il vaso sono le rivelazioni della Costani, «mai smentite da nessuno» sottolinea Tonelli, secondo cui Zolezzi e Fiasconaro di M5S avrebbero ripulito il gruppo dalle forze distruttive di destra

MANTOVA. Anche Tommaso Tonelli lascia il Movimento 5 Stelle provocando la sua sparizione dal consiglio comunale. Era l’ultimo rappresentante in aula dei grillini dopo che se ne era andato Annaloro. Lui era rimasto, ma i rapporti con il resto del partito si erano fatti sempre più tesi, nella vana attesa di un chiarimento col capo politico Crimi che non è mai arrivato, «nonostante le promesse di una telefonata diretta».

Tonelli non va nel gruppo misto, ma fa di più: resta al suo posto e cambia nome al gruppo, da Cinque Stelle a Indipendente. La goccia che ha fatto traboccare il vaso sono le rivelazioni della Costani, «mai smentite da nessuno» sottolinea Tonelli, secondo cui Zolezzi e Fiasconaro di M5S avrebbero ripulito il gruppo dalle forze distruttive di destra. Non solo.

«Mi è stato riferito che vi sarebbe stata una vera e propria trattativa sotterranea con la Costani, che è sfociata in una riunione a distanza il 16 maggio, a cui hanno partecipato quattro soggetti riconducibili al M5S e alla quale né il candidato sindaco designato nella votazione interna Marco Ferrari (l’unico che avrebbe titolo per promuovere alleanze), né il sottoscritto quale capogruppo in consiglio sono stati invitati o informati e della quale, a tutt’oggi, non è mai stata data notizia.

Non intendo più rappresentare istituzionalmente un Movimento che non lo merita, nemmeno a livello locale perché costituito da personaggi che dietro a nebulosi discorsi sulla trasparenza e l’onestà, dimostrano di essere l’esempio della peggior vecchia politica, fatta di correnti interne e accordi sotterranei e sottaciuti. La misura è colma - aggiunge - il Movimento è ostaggio di alcuni che si ergono a capi locali non avendone né titolo, né le capacità, visto lo stato ormai comatoso del Movimento nel Mantovano, diviso in fazioni l’una contro l’altra».
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi