Eccedenze di grana destinate ai poveri:«Aspettiamo il governo»

L’intenzione del Consorzio di tutela è di integrare con proprie risorse la quantità di formaggio donato agli indigenti, come stabilito dall’assemblea generale del mese scorso

MANTOVA. L’obiettivo espresso il mese scorso in assemblea dal presidente uscente Nicola Cesare Baldrighi era di contenere la produzione in modo da poter immettere gradualmente sul mercato le eccedenze di Grana Padano dovute al lungo stop di hotel, ristoranti e bar. Ma anche di smaltire le scorte con donazioni destinate ai meno fortunati. A questo proposito il Consorzio per la tutela del formaggio Grana Padano attende una mossa del governo Conte relativa all’utilizzo di oltre la metà dei 90 milioni di euro del fondo emergenziale destinato alle filiere in crisi per la donazione di formaggi Dop agli indigenti. In questo senso va un ordine del giorno presentato alla Camera dal deputato Annalisa Baroni a sostegno dei formaggi a denominazione d’origine protetta prodotti con latte vaccino.

«L’ordine del giorno dell’onorevole Baroni va a beneficio degli indigenti e ottiene almeno due risultati positivi – commenta il direttore generale del Consorzio di tutela, Stefano Berni – il primo si realizza offrendo cibo di qualità ai poveri che non possono permetterselo e il secondo consente di alleggerire le scorte derivanti dalla produzione accumulata nei mesi precedenti alla diffusione del Covid-19».


L’intenzione del Consorzio per la tutela del Grana Padano sarebbe quella di integrare con proprie risorse la quantità di formaggio donato agli indigenti, come stabilito dall’assemblea generale del mese scorso.

«Lo farà in modo proporzionale – è la conclusione di Berni – tanto più sarà il Grana Padano donato grazie a risorse pubbliche e tanto maggiore sarà la quantità che, con proprie risorse, il Consorzio aggiungerà al paniere di donazioni destinate ai cittadini meno fortunati, il cui numero sta purtroppo crescendo. Confidiamo che il governo compia le necessarie scelte in questa direzione». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi