Il 20 luglio la prima pietra del rondò di Grazie: deviazioni per i camion

Via al cantiere dell'attesa rotatoria fra Cremonese ed Asolana: il termine dei lavori è previsto per la prossima primavera

CURTATONE. Prenderanno il via iI 20 luglio i lavori di costruzione dell’attesissima rotatoria di Grazie. Alle 10, al campo sportivo della frazione di Curtatone, verrà posta la prima pietra dell’opera che nascerà all’altezza dell’incrocio tra la ex statale Padana Inferiore e la provinciale Asolana. La rotatoria, la cui inaugurazione è attesa per la primavera dell’anno prossimo, avrà un diametro di 70 metri ed un’unica corsia sull’anello. Al centro ci sarà una sorta di grande aiuola, con prato, piante e lampioni.


Dal costo di un milione (di cui 250mila stanziati dal Comune di Curtatone e 750mila dalla Regione), è un’opera che nasce dalla necessità di mettere in sicurezza un’incrocio, quello appunto tra le due provinciali, molto pericoloso, in particolare per chi dall’Asolana si immette sulla Padana Inferiore. I lavori di costruzione, affidati alla ditta Reggiani di Mantova, dureranno otto mesi.


In parallelo con i lavori, scatteranno alcune modifiche alla viabilità. Dalle 8 del 20 luglio agli autoveicoli con massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate sarà vietato transitare sull’Asolana, nel tratto che va dall’incrocio con la strada provinciale 23 fino all’intersezione con la Padana Inferiore. Il divieto, istituito per la sola direzione di marcia Goito-Mantova, resterà in vigore fino al termine dei lavori, ma non interesserà gli automezzi che devono caricare o scaricare merci su quel tratto di strada. I tir in transito verranno dirottati sulla tangenziale che collega Rivalta a Castellucchio.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi