C’è sangue nel canale del parco, scattano le indagini

Per qualche momento è sembrata la scena di un film horror. Nella tarda mattinata di oggi, lungo il canale che attraversa il parco Pastore di Castiglione delle Stiviere, l’acqua si è colorata di rosso

CASTIGLIONE. Per qualche momento è sembrata la scena di un film horror. Nella tarda mattinata di oggi (27 luglio), lungo il canale che attraversa il parco Pastore di Castiglione delle Stiviere, l’acqua si è colorata di rosso. Proprio così: nel capitolo infinito degli scarichi illegali nei corsi d’acqua grandi e piccoli dell’Alto mantovano si registra persino un canale la cui acqua assume almeno una volta l’anno il colore rosso sangue.

Ad accorgersi dello sversamento sono stati alcuni cittadini che stavano passeggiando all’interno del polmone verde del centro cittadino. In sostanza hanno notato fuoriuscire da un tubo direttamente collegato a un piccolo canale, acqua con un vivace colore rosso che naturalmente ha finito per tingere anche il fondo del fosso.


Un episodio eccezionale? Per niente. Già, perché anche l’anno scorso, più o meno nello stesso periodo, si era verificato un fenomeno identico.

Sul posto, dopo le debite segnalazioni arrivate dai cittadini, nel giro di qualche minuto è arrivata una volante della polizia locale di Castiglione. Gli agenti hanno effettuato un sopralluogo e, anche se hanno certificato che si tratta di sangue animale, non sono riusciti a risalire all’autore del gesto che ha avuto come conseguenza quello sversamento. A complicare gli accertamenti c’è anche il fatto che per gran parte del tragitto il canale è interrato, dunque è difficile risalirne il corso fino a individuare la zona dove l’acqua incomincia ad avere quella colorazione. Nel frattempo la pratica è passata all’ufficio tecnico comunale, dove sono in corso accertamenti sulla diramazione della roggia. L’ipotesi più concreta è che il sangue arrivi da qualche allevamento non troppo distante dal centro di Castiglione. Ma solo nelle prossime ore se ne potrà sapere qualche cosa di più.
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi