Fondi per la palestra di Moglia e il magazzino di Poggio

Gli stanziamenti concessi dalla struttura commissariale per il terremoto del 2012

MOGLIA-POGGIO RUSCO. La Regione finanzia due interventi pubblici, l’adeguamento sismico della palestra delle medie di Moglia e il magazzino comunale di Poggio Rusco, per quasi un milione di euro. Si tratta di operazioni di recupero che rientrano nella fase di ricostruzione post terremoto, quindi coperti con fondi statali stanziati dalla Struttura commissariale.

Il presidente della Regione Attilio Fontana, in qualità di commissario delegato per la ricostruzione, ha firmato due nuove ordinanze per il recupero di immobili pubblici. Con la prima, ordinanza 589, viene finanziato, con un contributo provvisorio di 171mila 211 euro, il progetto per la realizzazione di un nuovo magazzino comunale a Poggio Rusco.


Il progetto prevede la ricostruzione di un vecchio magazzino, demolito dall’amministrazione a seguito dei danni causati dal terremoto. La struttura sarà ricostruita in un altro luogo, in via Garibaldi vicino allo stadio, recuperando la cubatura del vecchio stabile.

Il nuovo magazzino sarà realizzato con tecniche moderne e antisismiche e sarà utilizzato anche come ricovero di automezzi. Il progetto presentato dal Comune è molto più oneroso, intorno ai 300mila euro. La struttura coprirà un costo pari a quello che sarebbe stato necessario per l'adeguamento sismico del vecchio magazzino, la parte restante sarà finanziata dal Comune con l’avanzo d’amministrazione.

Il nuovo complesso verrà realizzazione con una muratura armata perimetrale in blocchi casserati, su cui poggerà un telaio metallico che sorreggerà la copertura.

Con la seconda ordinanza, la 591, viene finanziato, con un contributo provvisorio di 751 mila 200 euro, il progetto per il miglioramento sismico della palestra della scuola media di via Cavour a Moglia. Il progetto prevede interventi di miglioramento sismico, con la riparazione delle lesioni.

Saranno poi realizzati interventi di estensione delle fondamenta, di rinforzi dei pilastri e inseriti nuovi tiranti al livello delle finestrature superiori. Si interverrà poi sulla copertura, legando gli elementi portanti e rendendo la struttura portante più resistente ad azioni sismiche. Il progetto prevede anche un miglioramento dell’edificio a livello energetico ed acustico. 

Video del giorno

Mantova, la pinsa alla conquista dell'Europa

La guida allo shopping del Gruppo Gedi