Alla ditta Francescon altri tre casi Ora test anti Covid a 60 neoassunti

Sotto controllo la situazione alla Lorenzini e alla Raccorderie Metalliche: nessun dipendente contagiato 

RODIGO. Nessun positivo ai test a cui sono stato sottoposti i dipendenti dell’azienda agricola Lorenzini Naturamica di Sermide. La buona notizia è arrivata ieri dal laboratorio dell’Istituto zooprofilattico sperimentale di Brescia che ha trasmesso i risultati di tutti i tamponi nasofaringei che - pur in assenza di segnalazioni di casi positivi - l’Ats Val Padana aveva condotto in una sessione di screening come azione di prevenzione. Tutti i 176 test effettuati tra i dipendenti della grossa azienda sono risultati negativi. Il controllo fa parte di una più ampia operazione di carattere preventivo che l’azienda sanitaria sta svolgendo tra le principali ditte ortofrutticolo del Mantovano e del Cremonese.

il focolaio


Ats ha fornito anche un aggiornamento sull’attività di sorveglianza sanitaria e contenimento del focolaio registrato alla ditta Francescon di Rodigo. Il dato dei positivi, in questo caso, è in leggera crescita: ieri sono stati rilevati altri tre contagiati, facendo salire il numero totale a 130. Dei casi positivi, 126 sono stati identificati a seguito dell’attività di screening con tampone nasofaringeo condotta nei giorni scorsi dall’Ats dopo la segnalazione di un caso sospetto da parte di un medico di famiglia e l’avvio dell’inchiesta epidemiologica.

test ai neoassunti

Domani mattina saranno sottoposti a tampone tutti i lavoratori neoassunti dall’azienda (almeno una sessantina) in sostituzione di quelli posti in isolamento domiciliare in linea con il protocollo anti Covid per l’attività di raccolta stagionale adottato dalla Regione Lombardia.

Il protocollo prevede lo svolgimento del test con tampone naso-faringeo a tutti i lavoratori assunti temporaneamente per i lavori agricoli stagionali in servizio nel periodo dal primo agosto al primo ottobre. L’obiettivo è di riuscire a individuare precocemente eventuali soggetti positivi e quindi contagiosi. In questa fase è assolutamente importante adottare misure preventive.

raccorderie ok

«Nessun focolaio alle Raccorderie Metalliche». Luciano Provasi, responsabile del personale dell’azienda metalmeccanica di Marcaria, scandisce bene le parole e non nasconde la soddisfazione. Ieri è arrivato l’esito dei tamponi eseguiti da Ats Valpadana su 220 dipendenti dopo che l’azienda aveva segnalato un caso di contagio: un solo lavoratore, peraltro in ferie già da una settimana e rientrato apposta per sottoporsi al controllo, è risultato positivo al test. «Siamo soddisfatti, questo risultato conferma il nostro impegno per preservare la salute dei lavoratori fin dal primo giorno della pandemia – commenta Provasi – ringraziamo per la collaborazione tutti i nostri collaboratori che invitiamo a continuare a tenere alta l’attenzione anche alla luce delle ultime notizie nazionali sull’aumento dei contagi. Questo risultato ci incoraggia a proseguire ulteriormente nel rispetto e rafforzamento di tutte le normative anti-Covid previste e a non abbassare la guardia perché è la prova che le buone prassi aiutano a tutelare la salute di tutti».

 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi