A Pegognaga il sindaco vieta i barbecue: niente grigliate nel Parco

L’area San Lorenzo è il tradizionale ritrovo ferragostano delle famiglie: «Troppo alto il rischio di assembramenti, meglio evitare i ritrovi»

PEGOGNAGA. Con una apposita ordinanza il sindaco di Pegognaga, Matteo Zilocchi, ha vietato l’utilizzo delle postazioni fisse per barbecue presenti nell’area del parco San Lorenzo e di qualsiasi barbecue portatile nei giorni di domani, sabato 15 e di domenica 16 agosto.

In precedenza tale divieto era già stato emanato in occasione di altre festività come il Primo Maggio e la Festa della Repubblica, per ragioni di prevenzione rispetto al rischio potenziale di inevitabili assembramenti di più persone, tutt’oggi vietati dal decreto del Consiglio dei Ministri del 29 luglio sullo stato di emergenza sanitaria, rafforzato dall’ordinanza della regione Lombardia del 31 luglio scorso.


Norme che già di per sé forniscono indicazioni per come poter svolgere attività ludiche all’aperto rispettando le norme di sicurezza ed evitando il rischi odi diffusione dei contagi. Come noto, in questo periodo estivo, sono in particolare i punti di ritrovo che hanno fatto rialzare il livello dei contagi.

Pur trattandosi, nella quasi totalità, di virus a bassa patogenicità, non in grado cioè di provocare la malattia con la comparsa di sintomi, ma solo di far produrre anticorpi psecifici e quindi di essere rilevata dai sistemi di controllo, come i tamponi orofaringei.

Per consolidata tradizione e consuetudine in queste occasioni festive e in particolare per Ferragosto, molti gruppi familiari e gruppi di amici si organizzano per le classiche grigliate all’aria aperta ed il parco di Pegognaga è sempre stata una prima scelta e molto gettonato da numerose comitive e gruppi di persone provenienti da tutto il territorio dell’Oltrepò mantovano. Questo per la disponibilità di aree verdi, di relax, per la presenza di ombra e di luoghi naturali dove poter passare momenti piacevoli assieme.

Il provvedimento restrittivo del sindaco Zilocchi rientra nelle sue possibilità di disporre la chiusura temporanea di questa area pubblica in cui è impossibile assicurare adeguatamente il rispetto del distanziamento interpersonale di sicurezza di almeno un metro.

Pertanto l’obiettivo dell’ordinanza rimane quello di evitare ogni possibile occasioni di contagio da Covid-19. Sarà la Polizia locale a verificare il rispetto della disposizione sindacale emanata.

Video del giorno

Omnia Mantova - Nella casa intatta di Osanna Andreasi

La guida allo shopping del Gruppo Gedi