In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Filma ragazza in bagno, caccia al maniaco

La giovane donna, incinta, vede la mano sporgersi sotto la porta e chiama aiuto. Poi intervengono i carabinieri

Luca Cremonesi
2 minuti di lettura

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Un uomo è stato sorpreso mentre cercava di filmare una donna nei bagni del centro commerciale Benaco, all'ingresso del paese per chi arriva da Guidizzolo. Il fatto è accaduto il 13 agosto, verso le 10 del mattino.

Protagonista una giovane donna incinta che, accompagnata dalla madre, era entrata nel centro commerciale per fare delle compere. «Siamo arrivate al Benaco - racconta la donna - e una volta all'interno ho avuto bisogno dei bagni. Ho parlato con mia madre e mi sono recata verso l'ingresso dei servizi». A quel punto la donna intravvede per la prima volta l'uomo che poi sarà l'altro protagonista di questa storia. «Mentre mi avvicinavo all'ingresso dei bagni ho visto nell'antibagno un uomo che sembrava attendere qualcuno. Era sulla porta e, sinceramente, dato che solitamente mi fido delle persone, ho pensato stesse attendendo qualcuno o stesse aspettando che il bagno si liberasse».

La donna entra nei servizi femminili e si chiude nel suo gabinetto. «Non so, qualcosa mi diceva che era meglio chiudere a chiave la porta» confessa ricostruendo la vicenda. A quel punto inizia la seconda parte della storia . «Ero nel gabinetto e ho sentito dei piccoli rumori all'esterno. Convinta che fosse qualcuno che entrava nei bagni, ho cercato, chinandomi un poco, di guardare dallo spazio libero che c'è fra il pavimento e la porta». «Ho visto chiaramente la mano che teneva il telefonino con la telecamera messa verso questo spazio». A quel punto la giovane donna spaventata, chiama la madre al cellulare. «Ho inventato una scusa, chiedendo a mia madre di raggiungermi per portarmi dei prodotti. Nel mentre ho sentito i passi che si allontanavano».

Una volta giunta la madre, la donna esce dal bagno e racconta quanto accaduto. Le due signore raggiungono la galleria del centro e - grazie ai pochi clienti - sospettano di aver individuato l'uomo. «Era alto circa 1,70, poco meno di 50 anni, probabilmente italiano, di carnagione scura, abbronzato, capelli neri tirati indietro, con occhiali neri» racconta la donna (testimonianza rilasciata anche alle forze dell'ordine e postata sui social). La madre si scaglia sull'uomo, lo redarguisce e cerca di colpirlo.

«Lui non ha cercato di difendersi e neppure ha chiesto più di tanto spiegazioni» ricorda la donna, «e questo ci ha fatto pensare che sapesse bene il perché lo stessimo chiamando in causa. A quel punto sono intervenuti i commercianti e abbiamo chiamato le forze dell'ordine». Da quanto si apprende sul luogo, l'uomo era da qualche tempo presente in galleria e, nelle scorse settimane, era già successa una storia simile. Ma non ci sono ancora prove che si trattasse dell’individuo presente nei bagni. «Nel prossimo cda del centro - commenta l'amministratore - porteremo subito all'ordine del giorno questa faccenda per prendere i dovuti provvedimenti». —

 

I commenti dei lettori