Proroga dei tecnici confermata, la Bassa del sisma ora respira

Soddisfazione dei sindaci: «Ora servono norme con un orizzonte più lungo». Alzata la soglia di aiuti “de minimis” per le aziende agricole: da 20 a 25mila euro

BASSO MANTOVANO. La proroga dei tecnici aggiunti per la ricostruzione è confermata: nel decreto legge di Agosto c’è l’agognata misura per il cratere mantovano. Nel frattempo è stata alzata la soglia di aiuti in regime “de minimis” per le aziende agricole: si passa infatti da 20 a 25mila euro.

Nei Comuni colpiti, da Moglia a Sermide e Felonica, è grande la soddisfazione. Un successo che si deve in gran parte all’impegno dell’ex deputato Pd Marco Carra, ora nella segreteria del partito. «Un atto dovuto, bisogna ringraziare chi si è battuto in queste settimane e che ha permesso di portare a casa il risultato, in primis Marco Carra – dice il presidente del Consorzio Oltrepò mantovano Alberto Borsari – una buona notizia per un territorio che ha moltissimi problemi e una atavica difficoltà a farsi sentire».


Il rischio di paralisi della ricostruzione e delle liquidazioni dei contributi era concreto. E il sindaco di Poggio Fabio Zacchi guarda già avanti: «Benissimo la proroga, era vitale. Questa volta il provvedimento è arrivato in agosto. Ma la ricostruzione non si chiuderà nel giro del prossimo anno. Bisogna pensare con Regione e Governo a una soluzione che guardi a un orizzonte più lungo, per consentire di evadere le molte pratiche in corso». Per le proroghe del personale sono stati destinati 25 milioni per il sisma 2012, circa 1,7 milioni per il Mantovano per l’anno 2021. Verranno poi riconosciuti fondi per gli straordinari negli uffici tecnici. Ci sono poi le proroghe per la sospensione dei mutui per i privati su edifici inagibili e fino alla fine del 2022 per i mutui contratti dagli enti locali con la Cassa Depositi e prestiti. Nelle scorse settimane Carra ha portato le istanze del Destra Secchia a Roma, lavorando con i deputati Pd e in particolare con la responsabile per le ricostruzioni del partito, l’abruzzese Stefania Pezzopane, e la sottosegretaria Simona Malpezzi. «Possiamo dire che le pressioni su Governo e Parlamento sono andate in porto – commenta Carra – il lavoro è stato intenso ma il risultato c’è. Esamineremo il testo e vedremo cosa ancora manca e faremo presentare al gruppo Pd del Senato gli emendamenti ancora in sospeso, concertati tra la Struttura commissariale e i sindaci del territorio».

Nel frattempo il presidente della Lombardia, Attilio Fontana, ha firmato un’ordinanza con l’aggiornamento dei massimali per la concessione di aiuti di Stato in regime di’de minimis’per le imprese agricole. Il regime’de minimis’fissa la soglia dei contributi che possono essere erogati, in questo caso a imprese del sistema produttivo agricolo, che non deve superare la quota stabilita dall’Unione europea per gli’Aiuti di Stato’. Si è recepito un Decreto del ministro delle Politiche Agricole che alza l’importo complessivo degli aiuti concessi a un’impresa agricola, nell’arco di tre esercizi finanziari.

Video del giorno

Il ministro alla Corneliani: «I lavoratori qui hanno una passione unica, sembra una famiglia»

La guida allo shopping del Gruppo Gedi