Contenuto riservato agli abbonati

Il pronto soccorso di Mantova cambia ancora: arrivano le pareti divisorie

La hall del Carlo Poma smette di essere sala d'attesa della zona "pulita" e torna alla sua funzione originale

Aumentano le richieste dei pazienti no Covid e servono spazi per la zona “pulita”. Lavori provvisori per separare i percorsi. E la hall smette di essere sala d’attesa

MANTOVA. Della necessità di ampliare la zona “pulita” del pronto soccorso del Carlo Poma se n’era già parlato all’inizio di giugno, quando nel reparto dell’emergenza si era iniziato a notare il ritorno dei pazienti non affetti da Covid.

E ieri è arrivato l’annuncio: dal primo settembre inizieranno i lavori che permetteranno di aumentare la capacità ricettiva del pronto soccorso per pazienti ordinari.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Vita e opere dell'arpista Clelia Gatti nel video girato al cimitero di Mantova

La guida allo shopping del Gruppo Gedi