Volano le lamiere della Ies di Mantova: via Brennero chiusa 4 ore

Le raffiche avevano staccato le coperture di un serbatoio dell’ex raffineria. Intervenuta una gru con piattaforma per la messa in sicurezza

MANTOVA. Fra i danni che  ha provocato la seconda ondata di maltempo c’è n’è anche uno che ha provocato apprensione poiché ha colpito la zona industriale di Mantova. È stato un automobilista di passaggio che in prima mattinata, transitando su via Brennero, ha visto volare via delle parti di copertura di un serbatoio interno all’azienda, ma prospiciente la Provinciale.

Immediata la chiamata e l’arrivo sul posto di una squadra dei Vigili del Fuoco e della Polizia locale di Mantova. Dalla strada che collega Porta Cerese al casello di Mantova nord dell’A22 era ben visibile il danno: la fasciatura di uno dei serbatoi della Ies, gruppo Mol, era stata quasi completamente sollevata dalle fortissime raffiche di vento che hanno flagellato il capoluogo nelle prime ore della mattinata.


La squadra dei Vigili del fuoco ha verificato assieme ai tecnici dell’azienda nel frattempo richiamati sul posto la situazione.

Il grande serbatoio, alto una quindicina di metri e del diametro di 30, è ricoperto da lana di roccia isolante stretta da lamiere metalliche di spessore consistente e imbullonate alla struttura. Il tutto è tenuto saldo da una cintura di acciaio. Il vento avrebbe fatto staccare proprio quest’ultima, di conseguenza liberando le lamiere che visibilmente penzolavano dal serbatoio. Nell’interno del contenitore era presente del “fondame”, materiale bituiminoso che deve essere ancora sottoposto a bonifica. Trattandosi di materiale infiammabile, è stato deciso di non intervenire segando a fiamma i pezzi di metallo per motivi di sicurezza. La strategia intrapresa è invece stata quella di chiamare una gru di grandi dimensioni in modo da poter portare a terra le grandi lamiere e mettere così in sicurezza anche la vicina strada, dove eventualmente sarebbe potuto volare un pannello in caso di nuovo fortunale.

Nel pomeriggio di domenica 30 agosto 202 attorno alle 13.30 la strada è stata quindi chiusa con deviazioni in via Diga Masetti andando verso San Giorgio e in strada Cipata in direzione Mantova. La strada è stata riaperta solo attorno alle 17.30 a operazioni concluse. Ad operare una gru della società Danese, azienda specializzata in mezzi di grandi dimensioni. All’opera, dovendo operare da distanza, una piattaforma aerea che arriva a 60 metri d’altezza.

Attraverso quella, i tecnici della Danese sono riusciti a sbullonare le lamiere già in parte distaccate e portarle a terra. Un lavoro che sarà completato nella giornata di lunedì 31 agosto per le parti più basse.

Video del giorno

La Gazzetta in campo - La pallavolo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi