Povertà per la pandemia, dal Comune di Borgo Virgilio 40mila euro per le bollette

Contributi ai cittadini che hanno avuto difficoltà a sostenere i costi delle bollette di luce, acqua e gas nei mesi più difficili dell’emergenza Covid-19. Questo il contenuto di un bando pubblicato dall’amministrazione comunale di Borgo Virgilio

BORGO VIRGILIO . Contributi ai cittadini che hanno avuto difficoltà a sostenere i costi delle bollette di luce, acqua e gas nei mesi più difficili dell’emergenza Covid-19. Questo il contenuto di un bando pubblicato dall’amministrazione comunale di Borgo Virgilio. La cifra stanziata dal Comune è di 40mila euro.

Le domande d’accesso dovranno essere presentate in modalità cartacea all’ufficio servizi sociali del Comune. Sarà prima necessario concordare un appuntamento (0376-283012 o 0376-283024). Alla domanda, già compilata, dovranno essere allegate le copie di documento di identità valido del richiedente, del permesso di soggiorno o carta di soggiorno per i cittadini extracomunitari, bollette di utenze domestiche di luce, gas e acqua per un importo non superiore a 300 euro e gli estratti conto al 31 maggio di tutti i componenti del nucleo. Presentando le bollette pagate sarà dunque possibile ottenere il rimborso.


Per gli utenti Tea, invece, saranno applicati sconti sulla prossime bollette. I requisiti di accesso prevedono, per i cittadini italiani e dei Paesi appartenenti all’Unione europea, l’essere residenti da almeno un anno a Borgo Virgilio alla data di pubblicazione del bando. Per i cittadini extracomunitari l’essere residenti nel comune da almeno un anno alla data del 31 agosto ed essere titolari di regolare permesso di soggiorno o carta di soggiorno con scadenza illimitata. La riduzione del reddito familiare a seguito delle misure di contenimento del virus Covid-19, in particolare nei mesi di marzo e aprile 2020 rispetto al mese di febbraio 2020, dovrà essere stata almeno del 20%. La disponibilità finanziaria del nucleo familiare non dovrà essere superiore ai 5 mila euro di giacenza su conto corrente alla data del 31 maggio. Le bollette, per uso solo domestico, dovranno avere un importo minimo di 100 e massimo di 300 euro.

Altro punto chiave, non si dovrà essere beneficiari di altri sostegni continuativi di tipo pubblico come reddito di cittadinanza o pensione di cittadinanza in misura superiore a 300 euro mensili. La soglia Isee potrà essere pari ad un massimo di 25 mila euro. «La soglia può sembrare elevata – spiega l’assessore ai servizi sociali, Teresa Amatruda – ma si vuole aiutare anche chi in passato non ha mai chiesto aiuti perché non ne aveva necessità. Dipendenti, commercianti, artigiani. Persone in cassa integrazione o rimaste senza lavoro in quei mesi».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Ponte di San Benedetto Po, l'attesa del varo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi