Malore fatale,il sindacalista mantovano Veneri muore a soli 45 anni

«Ci hai lasciato troppo presto, non ti dimenticheremo». Questo il messaggio che i colleghi della Fiom Cgil di Reggio Emilia hanno voluto dedicare a Carlo Veneri, 45 anni, residente a Suzzara con la moglie Samantha e la figlia Zoe.

SUZZARA. «Ci hai lasciato troppo presto, non ti dimenticheremo». Questo il messaggio che i colleghi della Fiom Cgil di Reggio Emilia hanno voluto dedicare a Carlo Veneri, 45 anni, residente a Suzzara con la moglie Samantha e la figlia Zoe, in via Malcom X. Nella notte tra lunedì 7 settembre e martedì 8 e ieri il sindacalista è morto a causa di un infarto che non gli ha lasciato scampo. I funerali avranno luogo, in forma civile, giovedì 10 settembre  alle 9.30 partendo dall’ospedale Carlo Poma di Mantova per il cimitero monumentale di Mantova.



Carlo ha lavorato per anni alla Tigieffe di Luzzara e dieci anni fa è uscito in distacco sindacale alla Fiom dove era impegnato tutt’ora. «In questi anni ha messo al servizio della Fiom, della Cgil e dei metalmeccanici reggiani un costante senso di militanza e un grande impegno e rigore nel lavoro. Per la Fiom di Reggio Emilia e la Camera del Lavoro – dicono i colleghi commossi per la grave perdita – e per i compagni che quotidianamente lavoravano con lui, è una perdita incommensurabile. La notizia ha sconvolto tutta la Cgil reggiana; Carlo aveva solo 45 anni e tanta voglia di vivere. Le compagne e i compagni della Camera del Lavoro di Reggio si stringono con affetto intorno alla moglie, alla figlia e a tutta la famiglia».

La guida allo shopping del Gruppo Gedi