Lavori al PalaFarina al termine, il 17 settembre la visita con i candidati

L’assessore Rossi: «Al prossimo sindaco non resterà che l’inaugurazione». Il sopralluogo sul cantiere per una verifica dello stato di avanzamento

VIADANA. «Il nuovo PalaFarina è in via di ultimazione: il prossimo sindaco dovrà preoccuparsi solo di organizzare la festa di inaugurazione». A fare il punto è l’assessore ai lavori pubblici Franco Rossi, che informa di avere organizzato, assieme al primo cittadino Alessandro Cavallari, un sopralluogo dei candidati sindaci sul cantiere. Una richiesta in tal senso era giunta nei giorni scorsi da Nicola Federici (consigliere comunale uscente Pd e candidato consigliere per la lista Uniti per Viadana), che aveva suggerito che, oltre agli aspiranti primi cittadini, fossero presenti anche i consiglieri in carica. Il sopralluogo nell’impianto sportivo, finalizzato a consentire una verifica di persona dello stato di avanzamento lavori, è stato fissato per le 14.30 di giovedì 17 settembre. «Spero – nota l’assessore – che l’appuntamento possa servire a tranquillizzare i candidati».

La visita nell’area di cantiere avrà luogo in sicurezza sotto la direzione del responsabile area tecnica municipale Giuseppe Sanfelici. Al momento le opere strutturali (la ricostruzione dell’edificio, crollato nel febbraio 2015 sotto il peso di una grande nevicata) sono concluse, e gli addetti stanno procedendo con le opere accessorie (impianti, servizi, sottostrutture, eccetera). «L’opera – ribadisce Rossi – è a mio avviso molto bella e funzionale. Fondamentale per le attività delle società sportive, ricoprirà pure il ruolo di edificio strategico antisismico». Potrà essere cioè utilizzata in situazioni di emergenza come sede operativa e sistemazione per gli sfollati. Oltre che per gli eventi sportivi, il nuovo PalaFarina potrà essere utilizzato anche per attività di pubblico spettacolo. Verosimilmente i candidati sindaco coglieranno l’occasione per fare il punto sul costo finale dell’intervento di ricostruzione, tema che molto ha fatto discutere nei mesi scorsi. «In ogni caso – sottolinea l’assessore – ricordo che il Comune di Viadana ha abbattuto le spese grazie al rimborso assicurativo (circa un milione di euro) e al rilevante contributo di Regione Lombardia (circa 500mila euro), che torniamo a ringraziare».

Video del giorno

Riaperto il ponte: Mirasole ora respira

La guida allo shopping del Gruppo Gedi