In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Bottani si rimette la fascia tricolore: «Grazie per questo gesto d’amore»

Il sindaco al lavoro per un piano di vaccinazioni a Corte Spagnola. «La giunta? Devo ancora decidere»

Rita Lafelli
2 minuti di lettura

CURTATONE. Amato. Così si sente il sindaco Carlo Bottani all’indomani delle elezioni che lo hanno visto trionfare in tutti i seggi di Curtatone. Amato dagli elettori, che lo hanno riconfermato sindaco con il 67,08% dei voti, affidandogli il compito di governare il territorio per altri 5 anni. Amato dai suoi sostenitori, che ieri mattina hanno gremito la sala consiliare del municipio per assistere alla cerimonia di proclamazione. Tra gli applausi dei presenti, il sindaco ha indossato la fascia tricolore e ha rivolto un ringraziamento ai tanti cittadini che lo hanno votato, alla famiglia e ai collaboratori della lista civica “Curtatone Avanti”.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Elezioni 2020, a Curtatone un plebiscito per Bottani. Il sindaco uscente vola a oltre il 67%]]

«Sono gratificato da questa vittoria così significativa – commenta - La leggo come un gesto d’amore nei miei confronti». Terminati i festeggiamenti il sindaco ha ricominciato subito a lavorare: «Le mie priorità sono scuola e salute – spiega –. Farò il possibile per venire incontro alle esigenze delle famiglie, cercando di sincronizzare gli orari di entrata ed uscita dai plessi scolastici con quelli del trasporto pubblico. Inoltre sto lavorando a un piano di vaccinazioni anti-influenzali, da attuare in sinergia con i medici del territorio e con Ats. L’idea è di mettere a disposizione uno spazio a Corte Spagnola, o in un altro edificio pubblico, dove somministrare i vaccini alla popolazione».

Nei prossimi giorni il sindaco dovrà anche lavorare alla composizione della nuova giunta. Nessuna anticipazione sui nomi dei futuri assessori: «Devo ancora fare una serie di valutazioni – spiega – Nel distribuire le deleghe terrò conto delle preferenze ottenute da candidati, ma anche delle competenze e del tempo che ciascuno di loro può dedicare alla collettività».

Entro dieci giorni si insedierà il nuovo consiglio comunale. Nei banchi riservati alla maggioranza, accanto a Bottani, prenderanno posto Federico Longhi, che con le sue 515 preferenze conquista di diritto il titolo di candidato più amato dagli elettori, Sofia Pantani, Luigi Gelati, Angela Giovannini, Cinzia Cicola, Martina De Donno, Matteo Totaro, Claudio Montagnani, Federico Crivelli, Andrea Lombardini e Luca Corradini. Nei banchi dell’opposizione siederanno Nicola Andreella, capofila della squadra “Curtatone in Comune”, ed Elena Molinari, capogruppo della lista “AdessoSì”, affiancata da Giulia Francesconi, Francesco Galli e Fabrizio Magnanini.

In attesa del primo consiglio comunale, sta destando curiosità un piccolo giallo legato allo smarrimento di una scheda elettorale, poi ritrovata. Dal municipio fanno sapere che l’inconveniente si è verificato in uno dei seggi di Levata. «La scheda non si trovava – spiegano – perché si era appiccicata ad un’altra così saldamente da rendersi invisibile». Tuttavia i referenti di un paio di liste raccontano lo stesso episodio, collocandolo in uno dei due seggi di San Silvestro, ma entrambe le presidenti negano che il fatto sia avvenuto nel loro spazio. «Noi siamo a conoscenza solo dell’episodio verificatosi a Levata – concludono dall’ufficio elettorale – ma, poiché si tratta di piccoli incidenti che non richiedono la verbalizzazione, non possiamo escludere che ci sia stato un problema simile anche altrove».

I commenti dei lettori