Contenuto riservato agli abbonati

Il centrodestra di Mantova comincia a scricchiolare

La sconfitta elettorale in città mette a rischio la tenuta della coalizione. Sodano: Forza Italia non cresce nell’alleanza populista. Carra (Lega) all’ex sindaco: «Gli evitammo la sfiducia, questo fanno gli alleati» 

MANTOVA. Scricchiolii. È forse la parola più adatta per descrivere quello che si sente provenire dalla casa del centrodestra dopo il tonfo elettorale in città. L’alleanza è a rischio rottura e a farlo capire sono gli stessi vertici delle forze politiche, salvo poi auspicare che tutto si risolva con un duro confronto a 360 gradi.

Ma le dichiarazioni che si sentono, o leggono sui post dei social, permettono di capire che lo scontro tra alleati è la risultante di un’operazione, quella della candidatura del civico salviniano Stefano Rossi, che non era piaciuta a tutti.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

La Notre-Dame virtuale batte sul tempo la cattedrale reale. Ma attenzione alle vertigini

La guida allo shopping del Gruppo Gedi