Mantova, quinto caso di Covid a scuola. Ventidue bambini in quarantena

Alle elementari di Cerese un’alunna positiva, le insegnanti subito al tampone. Dall’inizio dell’anno scolastico sono quasi un centinaio i bimbi in isolamento 

BORGO VIRGILIO. Quinto caso di Covid-19 in una scuola mantovana. Nelle ultime ore un’alunna della scuola elementare di Cerese, che fa capo all’istituto comprensivo di Borgo Virgilio, è risultata positiva al tampone. Salgono così a cinque le classi in quarantena in poco più di una settimana con un totale di 92 scolari in isolamento. Gli altri quattro casi sono stati registrati il 19 settembre alla scuola materna Strozzi di Mantova, giovedì alle elementari di Marcaria, venerdì alla materna di Cicognara, frazione di Viadana e sabato all’elementare Marco Polo di Suzzara. Come da normativa anti-Covid-19 a Cerese è stata messa in quarantena l’intera classe dell’alunna positiva: 22 bambini in totale.

Non sono invece stati posti in isolamento domiciliare gli insegnanti, perché dopo aver eseguito la valutazione del rischio (il personale docente di solito è più protetto) si è scelto secondo un modello adottato di recente di inviarli subito alla prova del tampone. Una scelta determinata anche dal fatto di non voler lasciare le scuole con poco personale per troppi giorni.


Le condizioni dell’alunna risultata positiva sono definite tranquille. Il tampone era stato richiesto dal pediatra a cui i genitori si erano rivolti dopo che la bambina aveva manifestato sintomi simil-influenzali. I genitori degli scolari in isolamento, essendo considerati contatti di contatto di caso accertato, non sono obbligati alla quarantena, anche se la maggior parte di loro di fatto, in assenza di un aiuto, dovrà restare a casa ad accudire i propri figli.

I bambini individuati dal nucleo dell’Ats Val Padana deputato al contact tracing dovranno restare in isolamento per quattordici giorni. In questo periodo saranno monitorati dai rispettivi pediatri. Se nel periodo della quarantena dovessero manifestarsi sintomi particolari saranno sottoposti subito al tampone naso-faringeo per verificare se hanno contratto il virus. Se invece i quattordici giorni trascorreranno senza problemi, al termine del periodo di quarantena tutti saranno comunque sottoposti a tampone per poter rientrare a scuola. Questa la procedura per i contatti stretti di caso accertato. I risultati del tampone eseguito sulla scolara risultata positiva sono arrivati nel giro di poche ore e anche il tracciamento dei contatti è stato condotto dal nucleo Malattie Infettive dall’Ats Val Padana in meno di ventiquattro ore. Nei giorni scorsi in isolamento domiciliare sono finiti altri dodici bambini più una maestra della scuola elementare di Marcaria, tredici bambini, due insegnanti e una bidella della scuola dell’infanzia “Strozzi” di Mantova, 25 bambini e cinque adulti tra insegnanti e operatori scolastici della scuola materna di Cicognara e 20 bambini della scuola Marco Polo di Suzzara.

Da pochi giorni i tamponi sulle inchieste epidemiologiche nelle scuole vengono inviati all’istituto zooprofilattico sperimentale di Modena che garantisce la risposta in tempi rapidi.


 

Video del giorno

Turchia, la furia del minatore non pagato: sale sull'escavatore e distrugge i camion

La guida allo shopping del Gruppo Gedi