Contenuto riservato agli abbonati

Troppi studenti alle fermate dei bus, controlli Apam anti-affollamento

Scatta il monitoraggio nei punti di raccordo. E la Polizia locale vigilerà all’esterno delle scuole

MANTOVA. Situazione al momento sotto controllo per scarsa incidenza sulla diffusione delle infezioni da Covid-19 dalla riapertura delle scuole, con una quindicina di casi positivi su un totale di 2.386 tamponi. Monitoraggio dell’Apam sulle principali fermate di raccordo per il rischio di assembramento di studenti nelle ore di punta.

Queste le valutazioni più importanti emerse ieri mattina in Prefettura alla riunione della conferenza provinciale permanente, presieduta dal prefetto Carolina Bellantoni, per un primo monitoraggio sull’andamento della situazione ad un mese circa dalla ripresa dell’attività didattica nelle scuole della provincia. All’incontro hanno preso parte il provveditore scolastico Daniele Zani, il direttore generale dell’Ats Salvatore Mannino, il direttore generale dell’Asst Raffaello Stradoni e Daniele Trevenzoli e Claudio Garatti per l’Apam.


Nel corso dell’incontro sono stati affrontati dell’organizzazione dei servizi e delle attività didattiche da rendere in presenza, dell’incidenza sull’andamento epidemiologico e i riverberi sul trasporto pubblico locale. Dal confronto, che nel complesso non ha restituito un quadro preoccupante per la provincia di Mantova, è emersa, in ogni caso, la necessità di mantenere costantemente elevato il livello di attenzione.

Con riferimento ai servizi scolastici, Zani ha riferito che gli istituti del ciclo primario hanno ripreso la piena operatività in presenza nel rispetto delle vigenti direttive del ministero dell’Istruzione, mentre alcune delle scuole secondarie si stanno adoperando per attuare tutte le iniziative per riprendere in via esclusiva l’attività in presenza. Sul fronte dei trasporti è stato ricordato che i dirigenti scolastici sono stati sollecitati a fornire all’azienda del trasporto pubblico locale gli orari definitivi per consentire la modulazione dei servizi. I referenti di Apam hanno riferito che dopo alcune difficoltà individuate a ridosso dei primi giorni di apertura delle scuole, per problematiche di mancato allineamento negli orari degli istituti, allo stato attuale non si rilevano particolari criticità all’interno dei bus.

È stato in ogni caso rilevato il rischio di potenziali assembramenti nelle ore di punta presso le principali fermate di raccordo, sia nel comune capoluogo, che in aree provinciali, per cui Apam sta predisponendo un monitoraggio con proprio personale. Inoltre è allo studio un momento di formazione nelle aule sul corretto comportamento da tenere sui mezzi.

Sotto il profilo sanitario i referenti delle autorità sanitarie hanno ribadito la centralità della rete territoriale, in particolare dei pediatri, per una corretta gestione delle casistiche riscontrate ed evitare saturazioni della strutture preposte agli accertamenti diagnostici con tampone. Per ultimo la Polizia Locale è stata sensibilizzate a intensificare verifiche e monitoraggio delle prescrizioni in materia di contenimento epidemiologico. Nello specifico saranno implementati servizi di controllo vicino agli istituti scolastici e alle fermate dei mezzi pubblici.


 

Video del giorno

La Notre-Dame virtuale batte sul tempo la cattedrale reale. Ma attenzione alle vertigini

La guida allo shopping del Gruppo Gedi