Il presidente della Provincia: "La prefettura apra il tavolo di crisi, l’Argenta va salvata"

A rischio settanta posti di lavoro

MANTOVA. Un fulmine a ciel sereno che ha colto di sorpresa anche l’amministrazione comunale di San Giorgio Bigarello. «Siamo perplessi e preoccupati» sintetizza il sindaco Beniamino Morselli, che è anche presidente dell’Amministrazione provinciale. La chiusura della sede di Mottella dell’Argenta, storica azienda di distribuzione di snack e bevande con macchinette automatiche, e il conseguente trasferimento a Milano dei circa 70 dipendenti (pena la perdita del posto di lavoro), non può passare sotto silenzio. «Ci sentiamo vicini ai lavoratori - afferma Morselli - e per quanto ci compete seguiremo la situazione e faremo tutti i passi necessari per scongiurare la chiusura».

La prima azione sarà quella di partecipare, oggi, al presidio organizzato dai sindacati davanti all’azienda: «Ci saremo - annuncia Morselli - per portare la nostra solidarietà ai lavoratori e per capire che cosa sia possibile fare in questo frangente. Chiederemo alla prefettura di aprire subito il tavolo di crisi e chiederemo anche un confronto con l’azienda, una delle prime ad insediarsi nella nostra area industriale». La sede dell’Argenta a Mottella funziona da officina di riparazione dei distributori automatici e come magazzino delle cialde per le bevande calde. Una funzione che condivide con la struttura gemella di Peschiera Borromeo per l’intero territorio nazionale su cui l’Argenta è ramificata. Il lockdown, con la chiusura parziale degli uffici e totale delle scuole, ha messo l’azienda in grave difficoltà, «ma in questa fase di ripresa di tutte le attività - dice Morselli - sembrava fosse in atto anche una ripresa dello stesso settore. Inoltre, ultimamente nella nostra area industriale molti capannoni sono stati rioccupati dopo che erano rimasti vuoti dal 2008. Ecco perché la vicenda Argenta ci ha colti di sorpresa e ci induce a stare vicini al lavoratori, la maggior parte dei quali sono della nostra zona». —



 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi