Studenti rimasti a piedi: il pullman non è passato, ma Apam smentisce: era lì

MANTOVA. Da una parte: un gruppo distudenti che sostiene di essere stato lasciato a piedi all’uscita da scuola. Dall’altra: Apam che, con tracciamento di tutti i mezzi alla mano, dimostra che il pullman non solo era alla fermata ma è anche ripartito con qualche minuto di ritardo per lasciare a tutti i passeggeri il tempo di individuarlo tra i tanti in arrivo e salire a bordo. Al centro del botta e risposta: la corsa numero 17 che alle 14.25 dal passante di viale Risorgimento riporta a casa i ragazzi in uscita dalle scuole cittadine e residenti nella zona del Viadanese.

A segnalare ieri alla Gazzetta che qualcosa era andato storto è stato un genitore: «Mia figlia e altri ragazzi sono rimasti a piedi, all’inizio erano una ventina, poi qualcuno si è fatto andare a prendere in auto, ma in una decina sono rimasti in viale Risorgimento, dicono che il pullman non è passato». In attesa alla fermata troviamo cinque studenti che confermano la versione del genitore. Ma dal tracciamento Apam emerge che il loro pullman non solo è arrivato con circa un quarto d’ora d’anticipo ma è anche ripartito verso le 14.30, quindi con qualche minuto di ritardo sulla tabella di marcia. Da Apam fanno inoltre sapere che il conducente ha confermato che a bordo sono saliti meno ragazzi del solito. Non è escluso che vista la concentrazione di mezzi a quell’ora, non abbiano individuato il loro in tempo. Fatto che sta che persa la corsa, hanno dovuto aspettare quella successiva: alle 17.30. —



 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il ministro Garavaglia visita il Forte di Pietole

La guida allo shopping del Gruppo Gedi