Bonus 110% per l'efficientamento energetico degli edifici: ecco cosa c’è da sapere

I lavori per i quali richiedere il bonus devono essere pagati entro il 31 dicembre 2021, ma il governo ha già annunciato di voler confermare l'agevolazione almeno fino alla fine del 2023

MANTOVA. Ecco le principali scadenze e novità fiscali a cura dell'Ordine dei dottori commercialisti della provincia di Mantova.

Credito di imposta sugli affitti. Buone notizie per i contribuenti con sede o domicilio fiscale a Mantova e nei Comuni colpiti da eventi calamitosi, quali terremoti, alluvioni o altri eventi naturali avversi. Una nuova disposizione, consente infatti di fruire del credito d’imposta sulle locazioni, a prescindere dalla sussistenza del calo di fatturato, richiesto invece agli altri contribuenti.


Bonus 110%. Di grande importanza l’agevolazione fiscale che consente di detrarre o cedere a terzi il 110% delle spese sostenute per l’efficientamento energetico degli edifici. Questi gli ultimi chiarimenti dell’Agenzia delle entrate: sono cumulabili le spese inerenti l’installazione di pannelli fotovoltaici con le spese inerenti i sistemi di accumulo integrati, così come sono cumulabili le spese per gli interventi da ecobonus e quelli del bonus facciate. Il problema dell’accesso diretto degli immobili su strada è stato risolto, in quanto ora è considerato indipendente anche l’accesso di chi, per arrivare alla strada pubblica, ha bisogno di passare da una strada privata o da un’area condominiale in multiproprietà. Sono in vigore i nuovi requisiti tecnici più stringenti per i lavori iniziati dal 6 ottobre e pertanto per i cappotti crescono i valori di trasmittanza e le pompe di calore devono consentire minori consumi.

Le prestazioni professionali. Rientrano tra le spese detraibili anche quelle che sono relative a tutte le prestazioni professionali. Il visto di conformità di commercialisti ed intermediari serve per la cessione del credito e per lo sconto in fattura ma non per la detrazione in sede di dichiarazione dei redditi. La cessione del credito e lo sconto in fattura possono essere parziali ed il contribuente potrà fruire della detrazione in parte con lo sconto in fattura, in parte mediante la dichiarazione dei redditi e per un’altra parte mediante la cessione. Il bonus fiscale può essere ceduto a chiunque e quindi ad esempio anche da un forfettario al proprio genitore.

Le scadenze.  Le imprese immobiliari possono fruire dell’ecobonus e del sisma bonus anche sugli “immobili-merce” (gli invenduti) e su quelli concessi in locazione e quindi ad esempio una società che acquista un immobile su cui esegue lavori di risparmio energetico, potrà cedere il credito del 65% alle banche.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi