Controlli serrati sugli autobus a Mantova: scoperti ed espulsi clandestini

Oltre 40 uomini coordinati dalla questura in azione soprattutto nelle piazze Don Leoni e Cavallotti, in viale Risorgimento, in Valletta Valsecchi, a Lunetta e a Cittadella

MANTOVA. Scuole e fermate degli autobus ancora sotto i fari della polizia. Nell’ambito del protocollo di collaborazione siglato dalla questura di Mantova e dall’Apam, l’operazione ha visto l’impiego giornaliero di oltre 40 uomini appartenenti alla questura, alla Guardia di Finanza, al Reparto prevenzione del crimine della polizia di Stato, alla polizia stradale e alla polizia locale: controlli specifici si sono concentrati prevalentemente in piazza Don Leoni, nei pressi della stazione ferroviaria, in piazza Cavallotti, viale Risorgimento, a Cittadella, Lunetta e Valletta Valsecchi.

In alcuni casi, su richiesta del personale Apam, si è intervenuti a bordo di autobus per identificare individui che creavano problemi alla corretta funzionalità del servizio di trasporto pubblico. In particolare: in piazza don Leoni sono stati identificati tre cittadini nigeriani sprovvisti di titolo di viaggio, poi sanzionati; una pattuglia delle Volanti ha identificato un cittadino della Costa d’Avorio che, privo del biglietto, ha rifiutato di fornire i documenti al controllore Apam alla fermata di corso Vittorio Emanuele: anche in questo caso, è scattata la sanzione. Nella mattinata di domenica gli agenti della volante sono intervenuti in corso della Libertà per un passeggero che disturbava sul bus: l’uomo, pluripregiudicato, è stato allontanato e l’autobus ha potuto riprendere il servizio; una nigeriana invece a bordo di un pullman si era rifiutata di esibire i documenti ai controllori dell’Apam.


Nei confronti di tutti questi soggetti, su disposizione del questore Paolo Sartori l’ufficio immigrazione ha avviato l’iter per l’espulsione dal territorio nazionale.

Con l’intervento anche del poliziotto di quartiere, sono stati identificati 24 passeggeri, di cui 7 con precedenti penali per reati di varia natura, in particolare interruzione di pubblico servizio, furto aggravato, invasione di edifici e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Un 31enne con precedenti penali, inoltre, è stato sanzionato per ubriachezza molesta in centro.Complessivamente, anche nei 21 posti di controllo lungo le strade di accesso alla città, sono state controllate 407 persone (di cui 106 con precedenti penali e/o di polizia), 287 autoveicoli e 18 esercizi commerciali. Al termine il questore ha adottato i seguenti provvedimenti:15 fogli di via obbligatori a carico di altrettante persone gravate da precedenti penali e di polizia,13 avvisi orali nei confronti di altrettanti pluripregiudicati sorpresi in atteggiamenti e luoghi sospetti, in relazione ai quali si ha motivo di ritenere che vivano con i proventi dei reati commessi.




 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi