Mantova, i timori del manager Poma: «Il contagio corre veloce»

Il direttore generale dell’Asst confessa che le simulazioni non fanno stare tranquilli:«Se sarà aumento esponenziale in 2 settimane potremmo avere carenza di letti».  In terapia intensiva i pazienti hanno 55 80 e 85 anni. Tutti 50enni in Respiratoria

MANTOVA. Corre veloce il contagio da coronavirus anche in provincia di Mantova. Nei primi giorni di ottobre i nuovi positivi hanno subito un’impennata, come del resto accaduto in altre province e in generale in tutta Italia. Gli ultimi bollettini diffusi dalla prefettura su dati dell’Ats Val Padana evidenziano un quadro preoccupante: nei primi tre giorni di questa settimana abbiamo raggiunto quasi il totale di tutta la precedente settimana: 95 positivi contro 107.

Non va meglio nemmeno con i ricoveri: esauriti i cinque posti letto della terapia sub-intensiva respiratoria (tutti più o meno 50enni sotto ventilazione meccanica e nessuno con altre patologie di rilievo), quasi esauriti i letti in terapia intensiva (tre pazienti di 55, 80 e 85 anni, due dei quali intubati, con altre patologie ma non importanti), due-tre posti letto ancora liberi in Malattie Infettive, dove i pazienti ricoverati sono una ventina. Ovviamente in caso di nuovi ricoveri le aree dedicate al Covid saranno aumentate. Questa la sintesi dei numeri e dell’identikit dei pazienti ricoverati.

«Ci troviamo di fronte a una situazione preoccupante – sottolinea il direttore generale dell’Asst di Mantova, Raffaello Stradoni, durante la diretta su Fb dal nuovo pronto soccorso Covid aperto lunedì scorso al Poma –. La curva dell'epidemia è in crescita con aumenti registrati a fine agosto con il rientro dalle ferie, a inizio settembre e l’ultimo picco, che ci sta molto preoccupando, in questi ultimi giorni. Le simulazioni non ci rendono affatto tranquilli, perché ci potrebbe essere un’ulteriore fiammata che potremmo anche riuscire a spegnere con l’aiuto dei colleghi dell’Ats attraverso il tracciamento dei contatti ma potrebbe anche essere l'avvio di una fase di espansione di nuovi contagi. Il virus è particolarmente infettante e quando parte viaggia con una legge esponenziale. In questo caso sarebbero sufficienti pochi giorni, al massimo due settimane, per arrivare a una situazione di completa saturazione delle possibilità di ricovero».

Stradoni fa sapere che nelle ultime settimane sono stati aumentati i posti letto Covid con la riapertura di alcune aree che erano state chiuse prima dell’estate.



«Quando i contagi aumentano – spiega il manager sanitario – aumentano anche i ricoveri. Siamo già in contatto con la rete regionale e le loro unità di crisi. Purtroppo la sensazione è quella che questa fiammata sia diffusa nella società civile e sia legata a fasce di età più giovani che probabilmente in questo momento usano meno cautele nella protezione. Ma è complice anche il clima che sta cambiando e la gente si rifugia in locali al chiuso».

Nella diretta Fb dal pronto soccorso ha poi preso la parola il primario Massimo Amato: «L’ingresso del pronto soccorso Covid inaugurato qualche giorno fa è indipendente e separato dall'ingresso dei pazienti non Covid. È un percorso protetto attraverso il quale garantiamo lo sbarellamento in ambulanza e l’accesso di pazienti in grado di camminare. Abbiamo in sostanza creato un nuovo spazio con personale che lavora in parallelo con i colleghi del pronto soccorso ordinario. Purtroppo in queste ultime settimane dobbiamo anche registrare un aumento delle patologie non Covid correlate». Il primario ha comunque sottolineato l’impegno dell’ospedale nel creare percorsi protetti perché ognuno riceva il giusto dell'assistenza e della cure senza rischi. Per ultimo l’appello di Stradoni, che invita tutti «ad usare bene il pronto soccorso perché se i casi Covid continuano ad aumentare è bene che i codici bianchi e le patologie minori evitino di accedere al reparto. Il rischio è che queste persone debbano aspettare molto perché la forza lavoro non è infinita. Se la patologia può essere risolta al domicilio è bene che sia risolva lì». 




 

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, prima votazione per il Quirinale a Montecitorio: diretta

La guida allo shopping del Gruppo Gedi