Sette nuove telecamere per rendere più sicuri gli accessi ad Asola

Progetto da 65mila euro, chiesto il finanziamento a Roma: previsti varchi con lettura targhe e visori panoramici

ASOLA. Incrementare la sicurezza per i cittadini grazie al controllo delle strade di accesso al capoluogo. Un progetto che prevede l’installazione di sette telecamere in punti strategici, due delle quali avranno anche il compito di monitorare incrocio pericolosi. È il piano approvato dalla giunta asolana presieduta dal sindaco Giordano Busi, che ha chiesto al Ministero dell’Interno il finanziamento all’85% dell’importo complessivo, stimato in circa 65mila euro.

Il progetto prende le mosse dal cosiddetto “patto di sicurezza urbana”, un programma varato dal Viminale e che ha visto come parte attiva le singole prefetture. Un primo Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza a riguardo si è tenuto ad inizi settembre a Mantova, coordinato dal prefetto Carolina Bellantoni. Nel corso dell’incontro, il Comune di Asola ha presentato la propria proposta di massima che è stata ritenuta in linea con le finalità di prevenzione e contrasto alla criminalità. «Vista - scrive la giunta nella propria delibera - la recrudescenza di episodi legati allo spaccio ed al consumo di droga, soprattutto in aree verdi».


Il progetto è stato elaborato dalla Tesi Informatica di Casalmoro e prevede l’installazione di cinque telecamere con lettura targhe ai varchi principali del paese. «Le telecamere - spiega Alberto Perazzolo, consigliere comunale che ha seguito il progetto - saranno posate in luoghi strategici. Una in via Cadimarco, verso il passaggio a livello, sul lato destro entrando in Asola; una seconda, sempre verso il centro di Asola, in via Compartitori, la terza sarà posizionata in via Bonincontri, sul lato destro della via entrando sull’incrocio con via Parma. Una telecamera di lettura targhe sarà posta anche in via Saccole Pignole, sul lato destro entrando in Asola e infine l’ultima all’ingresso di via Bassa da Casalmoro, sempre verso il centro».

I visori di lettura targhe saranno abbinati a telecamere per monitorare l'installazione. «Telecamere panoramiche - conclude Perazzolo - saranno posate anche in due incroci sensibili, le rotatorie di via Brescia/via Belfiore e via Brescia/via Virgilio». 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi