Cinque clandestini sul camion di legname: blitz dei carabinieri a Dosolo 

L’autista ha sentito dei rumori e ha chiamato il 112. Nessuno parla inglese, portati in ospedale per accertamenti

DOSOLO. Disperati, tanto da saltare a bordo di un camion nella speranza di fuggire dalla propria terra lasciandosi tutto alle spalle. La sera del 27 ottobre, poco prima delle 21, i carabinieri della Compagnia di Viadana sono intervenuti a Dosolo dopo aver ricevuto la telefonata di un camionista. «Ho sentito dei rumori, credo che qualcuno sia salito a bordo», ha detto l’uomo, bosniaco. 
 
Quando i militari sono arrivati sul posto in effetti hanno trovato cinque persone che si erano nascoste tra il materiale trasportato dal mezzo pesante, del legname. I carabinieri hanno tentato di parlare con i clandestini ma nessuno di loro è riuscito a rispondere alle semplici domande in inglese poste dai militari. 
 
Morale della favola, delle cinque persone non si sa sostanzialmente nulla, l’unica certezza è che provengono dall’Est Europa, probabilmente dai Balcani. In serata sono stati portati in ospedale per tutti gli accertamenti del caso, ovviamente a partire da quelli riguardanti il Covid-19. 
 
Al momento delle cinque persone, tutti maschi, non si conoscono né le generalità né il Paese di provenienza. 
Stamattina, con il supporto di un interprete, le forze dell’ordine tenteranno di fare chiarezza in una vicenda al momento dai contorni poco chiari. Intanto verrà sentito nuovamente il camionista. È facile ipotizzare che, una volta espletate le formalità di rito, i migranti avvieranno le pratiche per richiedere l’asilo in Italia.
La guida allo shopping del Gruppo Gedi