Anziana sventa la truffa del finto tecnico Tea

Suzzara. L'uomo ha detto che voleva verificare la presenza di microbi nell'acqua e ha chiesto del denaro. La donna lo ha cacciato

SUZZARA. È andato male il tentativo di truffa ai danni di un’anziana signora residente in zona ospedale a Suzzara. Un uomo dall’apparente età di 50 anni ha suonato alla porta di casa sostenendo di essere un addetto di Tea Acque e ha chiesto di entrare per verificare la presenza di “microbi” nell’acqua.

La donna ha fatto entrare il falso tecnico che si è diretto in cucina e ha aperto il rubinetto dell’acqua fredda. «Sì, signora, le confermo che ci sono microbi nell’acqua. Ora chiamo la Tea e sistemiamo tutto. Lei però dovrebbe mettere denaro e oro nel frigorifero». Ovviamente il falso tecnico, una volta assicuratosi che l’anziana signora aveva eseguito i suoi ordini avrebbe chiamato il suo complice che stava aspettando a bordo di un’auto grigia, vestito bene, che poi, una volta distratta la donna, avrebbe provveduto a ritirare il “bottino” dal frigo per poi darsela a gambe.

Ma l’anziana signora, forse informata di questo genere di truffe, grazie anche all’assidua campagna di informazione dell’arma dei Carabinieri, ha smascherato il falso tecnico e, con grande coraggio, l’ha cacciato di casa.

 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi