Contenuto riservato agli abbonati

Tentati furti notturni a raffica, cinque incursioni, una riuscita

A Ostiglia rubati preziosi e denaro. I proprietari non se ne accorgono. Forzate le porte d’ingresso in una ditta e in due case a Torriana di Serravalle

OSTIGLIA. Cinque tra abitazioni e sedi di società sono state prese di mira martedì notte da una gang criminale che nel giro di poche ore si è spostata da Ostiglia a Serravalle a Po, per poi fuggire su un’auto rubata a Sustinente.

Il raid è iniziato ad Ostiglia con l’irruzione nello spaccio della Gheda mangimi, alle porte del paese. Forse i ladri pensavano di trovare denaro nel registratore di cassa ma sono rimasti a mani vuote.


Si sono poi spostati verso il centro per infilarsi in via Raffaello, a poca distanza dal supermercato Eurospin che s’affaccia sulla provinciale Ostigliese.

Qui sono riusciti a penetrare in un’abitazione forzando una porta sul retro. Una volta dentro si sono impadroniti di preziosi e denaro contante. I padroni di casa non si sono accorti di nulla. Soltanto al mattino si sono resi conto dell’accaduto. Nella stessa via hanno preso di mira un’altra abitazione ma il colpo è andato a vuoto. Si sono quindi incamminati sull’Ostigliese e hanno raggiunto Torriana di Serravalle a Po, dove hanno messo in atto un secondo raid. A cominciare dalla sede della ditta Guzzoni che si occupa di riparazioni di macchine del caffè e che si trova vicino alla farmacia. Un tentativo andato a vuoto così com’è fallito il colpo in un’altra abitazione a poca distanza dalla ditta. Ieri mattina le denunce ai carabinieri di Ostiglia e Sustinente che si sono messi subito al lavoro per cercare di identificare, anche attraverso le immagini delle telecamere, gli autori del raid. La gente è ovviamente spaventata per la sfrontatezza della gang criminale che, in un caso, non ha esitato ad entrare in casa con i proprietari presenti.

La tecnica è quella messa in atto numerose volte. Colpire a tappeto una zona e poi sparire. Una tecnica mordi e fuggi che periodicamente ritorna. Il consiglio, in questi casi, è sempre lo stesso: dotarsi di allarme oppure inserire un ulteriore lucchetto nei portoni più esposti e meno controllati come quelli dei garage.


 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi