Contenuto riservato agli abbonati

A Mantova vigilia del lockdown-bis tra rabbia, rassegnazione e sollievo dei risparmiati

Vetrine listate a lutto mentre c’è chi si organizza con il delivery e chi chiude e basta. Ma per altri negozianti stavolta è pericolo scampato: dagli articoli sportivi ai libri

MANTOVA. Chi si prende una pausa di riflessione e poi si vedrà, chi lista a lutto le vetrine prima di abbassare l’ultima saracinesca, chi tira un sospiro di sollievo perché stavolta è stato risparmiato, chi si ributta a capofitto in asporto e consegne a domicilio. È un’atmosfera al limite del surreale, ormai più di rassegnazione che di rabbia, quella che si respira tra i commercianti alla vigilia del nuovo lockdown.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Segni, “On the Road” racconta la crescita tra musica e acrobazie

La guida allo shopping del Gruppo Gedi