«A Bozzolo rischio contagio altissimo»

L’attacco di Malagola: «Boom di positivi e il sindaco resta a guardare». Torchio: «Rispettati tutti i protocolli di sicurezza»

BOZZOLO. La seconda ondata fa saltare il banco a Bozzolo: la minoranza attacca frontalmente il sindaco Giuseppe Torchio e ne critica alcuni comportamenti che non sarebbero d’esempio per i cittadini chiamati a rispettare le norme anti contagio. Intanto in paese il numero dei positivi continua a salire, in attesa dell’esito di altri tamponi.

«A Bozzolo il rischio di contagio è altissimo – dice la capogruppo di opposizione (e medico) Sara Malagola – abbiamo un Rt fuori scala rispetto al resto della provincia, è uguale a quello di Monza e Brianza: tra le cause che hanno portato a una situazione tanto delicata, che potrà solo peggiorare nei prossimi giorni, c’è il comportamento del sindaco. Torchio, infatti, il 4 novembre ha organizzato una manifestazione pubblica con tanto di banda, quest’estate ha lasciato che i ragazzi della leva festeggiassero in paese, per non parlare dell’atteggiamento permissivo nei confronti dei cittadini che non si attengono alle regole anti contagio e la mancata erogazione degli aiuti economici promessi mesi fa ai commercianti». Secondo Malagola il sindaco in primis terrebbe atteggiamenti non esemplari per il resto della cittadinanza. Stando ai dati della prefettura aggiornati a venerdì, a Bozzolo, comune con poco più di 4mila abitanti, da inizio pandemia si sono registrati 133 casi di coronavirus, con 12 nuovi positivi riscontrati proprio il 6 novembre. Tra gli altri, anche un bambino che frequenta la materna e un sacerdote recentemente sono risultati positivi.



Il sindaco, che aveva già respinto al mittente alcune delle accuse di Malagola nel corso del consiglio comunale che si è svolto venerdì, ieri ha scritto un post su Facebook facendo il punto della situazione sull’emergenza Covid a Bozzolo: «Ci sono buone notizie per don Bruno e per altri concittadini degenti, tra i quali il volontario Francesco, in terapia a Mantova, che ieri (venerdì, ndr) si è risvegliato e ha riaperto gli occhi. Tutti i contagiati sono nei miei pensieri, con l’impegno a fare ogni sforzo per garantire tutte le forme di sostegno ed assistenza. Si è anche svolta la seduta del nucleo Usca dell’Ats Val Padana che ha effettuato i tamponi a tutti i bimbi della scuola dell’infanzia, al personale insegnante e non. Ringrazio l’agente Casella ed il volontario Penci che, con me, hanno collaborato con le due dottoresse dell’Ats per accelerare le operazioni. I tamponi saranno processati nei prossimi giorni ed i risultati saranno comunicati tra lunedì e martedì».

Il primo cittadino ha anche risposto direttamente alla minoranza: «I coscritti della leva 2002 confermano che dopo due incontri per concordare il programma con le autorità ed i carabinieri, i festeggiamenti si sono svolti (due mesi fa) con distanziamento, evitando assembramenti e con vistose limitazioni, vedi il percorso a piedi. I commercianti confermano di avere consegnato le autocertificazioni per la riduzione in bolletta della tassa rifiuti mentre è stata completata la raccolta dei dati per il taglio del 50% della tassa rifiuti per gli esercizi no slot. Le operazioni sono in pieno svolgimento in sinergia con Mantova Ambiente mentre, dopo la prossima presentazione del bilancio, gli uffici provvederanno alla definizione dei rimborsi previsti, pari ad iniziali 36mila euro per la verifica di eventuali aumenti di disponibilità».


 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Ibrahimovic a casa di Berlusconi: "Sono qui per insegnargli come si gioca a calcio"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi