Protesta silenziosa dei commercianti ad Asola: «Di questo passo chiuderemo tutti»

Flash mob di un’ora dell’Associazione esercenti: «Così è la fine, vogliamo certezze sul nostro futuro»

Protesta silenziosa dei commercianti: «Di questo passo chiuderemo tutti»

ASOLA. Flash mob e protesta silenziosa dei commerciati dell’Associazione Esercenti Asolani che ieri mattina, fra le 10 e le 11, hanno alzato la serranda della propria attività mettendosi sulla porta con alcuni cartelli.

“Così chiudiamo per sempre” e “Lo shopping natalizio sarà strano quest’anno”: questi i messaggi che erano riportati sui fogli che gli esercenti hanno esposto. Un’azione, creata e coordinata dai commercianti di Asola, e che si è affiancata alla giornata di protesta nazionale, «ma che noi abbiamo pensato come gesto autonomo per far sentire la nostra voce in paese - racconta Davide Burato, presidente dell’Associazione - perché ci sono rabbia e allo stesso momento consapevolezza che la situazione è grave».



Dalla voce dei commercianti emergono chiari il clima di rabbia e la situazione di difficoltà. «Questo lockdown sta andando malissimo - racconta Cristina Gloriotti di “Cristina Bomboniere” - sono veramente arrabbiata, perché non è possibile che il mio negozio non possa tenere aperto. Non contamino nessuno e nessuno contamina me, dentro ci sono tutti i dispositivi previsti dalla legge. Le persone potrebbero entrare senza problemi. Questa è una ribellione, io voglio aprire e aspetto i miei clienti».



In realtà le attività hanno solo lanciato un segnale e in nessun negozio ieri sono entrate persone a comprare, anche perché gli esercenti sono rimasti sulla porta e con i negozi chiusi. Ecco Dorella Amidani di Maison Dielle, attività che gestisce da 37 anni: «Avrei voluto prima più chiarezza e più controlli sul territorio per vedere chi rispettava le regole e chi no. Avremmo potuto lavorare tutti, senza ridurci così».



Ed è proprio la mancanza di certezze al centro di questa protesta silenziosa e composta dei commercianti asolani. «Vorremmo chiarezza e certezze sulle date - spiega Burato - perché le festività si avvicinano e a tutti noi serve sapere se apriremo. Le nostre attività devono preparare le scorte, fare gli ordini e gestire gli allestimenti. Non possiamo improvvisare». Burato, infine, lancia un appello: «Chiediamo ai nostri concittadini di comprare locale, anche con dei buoni, soluzione che ci permetterebbe di rialzare la testa in questo momento di difficoltà».




 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi