Contenuto riservato agli abbonati

Letti in Rianimazione quasi esauriti a Mantova: i ricoverati gravi salgono a ventidue

Il tetto invalicabile è 27 pazienti: solo così si possono tenere aperti anche 9 posti per extra-Covid

MANTOVA. Solo una settimana fa erano quattordici i pazienti Covid ricoverati nei reparti di Rianimazione del Carlo Poma e dell’ospedale di Pieve di Coriano. E il direttore del dipartimento di Emergenza-Urgenza dell’Asst, Gian Paolo Castelli, aveva già ipotizzato un ampliamento dei posti letto in vista di possibili nuovi ingressi in settimana. Così è stato. In queste ore i pazienti colpiti da coronavirus che necessitano di cure intensive sono saliti prima a venti e poi a ventidue, otto in più rispetto alla settimana precedente.

E a questo punto suona il primo campanello d’allarme all’interno degli ospedali mantovani, visto che la soglia massima prevista nelle strutture ospedaliere che fanno capo all’Asst di Mantova è di ventisette letti di rianimazione, tetto al momento invalicabile se...

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Vita e opere dell'arpista Clelia Gatti nel video girato al cimitero di Mantova

La guida allo shopping del Gruppo Gedi