Contenuto riservato agli abbonati

Il plasma non si trova più, dal Poma di Mantova ultimo appello

L’ospedale attiverà mail e telefono dedicati per incentivare le donazioni. Il primario Franchini: «Ogni giorno decine di richieste da ogni parte d’Italia»

MANTOVA. È un appello continuo quello che il primario dell’Immunoematologia e Medicina Trasfusionale del Carlo Poma, Massimo Franchini, rivolge a tutti i pazienti guariti dal Covid-19 e che sono quindi in grado di donare il plasma iperimmune ricco di anticorpi.

«I ricoveri di pazienti colpiti da coronavirus sono in aumento – sottolinea il primario – e il plasma purtroppo scarseggia.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Omnia Mantova - Nella casa intatta di Osanna Andreasi

La guida allo shopping del Gruppo Gedi