L’artista Remi dona una sua opera al Museo galleria

Aveva preso parte nel 2016 all’evento "NoPlace. Space" nelle vie del centro storico che confermò la vocazione del Premio alla sperimentazione

SUZZARA. Il 17 settembre 2016, in occasione del 49° Premio Suzzara, si è svolto l’evento artistico NoPlace. Space nel quale sono stati messi a disposizione degli artisti gli spazi interni ed esterni del Museo, del Centro Culturale Piazzalunga e le vie del centro storico per una mostra/incontro per tutta la giornata; l’artista Roberto Remi, partecipante a tale manifestazione, ha successivamente riprodotto un’opera dal titolo La la + La e ha espresso la volontà di donarla alla Galleria del Premio Suzzara, sottoscrivendo una dichiarazione di intento, conservata agli atti unitamente alla scheda tecnica dell’opera che fa parte del progetto Lallalla la sua nuova collezione a due e tre dimensioni.

Il tema di questo progetto è quello del raccordo fra parola, colore, visione, alfabeto e ritmo, espressi delicatamente, quasi come sequenze di sospiri. Fonetica, immagine e colore si compongono in delicati sistemi visivi, dando luogo a filigrane, segni e decorazioni astratte ma emozionali ed evocative, di rara sensibilità poetica.


Le donazioni, sono compiute allo scopo di arricchire il patrimonio del Museo Galleria delPremio Suzzara e che di conseguenza verranno inserite nell’inventario delle collezioni. Il valore dell'opera donata è stimato in 1.000 euro. No Place. Space era stata pensata e organizzata con la formula rivoluzionaria dei “rizomi”, e vide la partecipazione, all'epoca, di oltre cinquecento artisti. Si trattò, di fatto, un esperimento sociale: una mostra - incontro della durata di un giorno che ha richiamato il carattere sperimentale che ha contraddistinto tanti momenti importanti della storia del Premio Suzzara. 

 

Video del giorno

Vita e opere dell'arpista Clelia Gatti nel video girato al cimitero di Mantova

La guida allo shopping del Gruppo Gedi