Terreno inquinato a Castiglione delle Stiviere: l’Arpa consegna i dati dell’area Cardone

La relazione allo studio dell’amministrazione comunale. Sindaco e vice: «Caso da chiudere. Ora valuteremo come» 

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Sono arrivati in Comune i nuovi dati certificati da Arpa relativi alla nuova serie di campionamenti effettuati sul campo da gioco dell'ex stadio Mario Cardone di via Croce Rossa.

In questi giorni i tecnici del Comune sono allo studio delle tabelle inviate da Arpa perché da quello che emergerà, l’amministrazione potrà decidere le azioni da intraprendere. Da 14 anni, infatti, le varie amministrazioni comunali che si sono succedute, hanno atteso, invano, di poter vendere il Cardone. Tuttavia la pratica di alienazione non può procedere perché il terreno risulta in parte contaminato. Gli agenti inquinanti arrivano dal vicino ex sito industriale di Rapetti, storica ditta di produzione di rubinetti. L'attuale proprietario di quella vasta area industriale è la Diocesi di Mantova. Nel recente passato la Curia era intervenuta con una barriera idraulica che, però, non basta a fermare l'infiltrazione di sostanze inquinanti che continuano ad arrivare nel terreno.


Una vicenda, dunque, che non trova soluzione, nonostante - confermano Enrico Volpi e Andrea Dara, sindaco e vicesindaco di Castiglione delle Stiviere - «ci siano persone e realtà interessate all'acquisto di quell'area. Tuttavia, se il terreno resta inquinato non possiamo fare nulla». L'amministrazione Volpi era anche intenzionata a vendere a lotti l'area, ma gli agenti inquinanti sono ancora presenti e così si è proceduto a una nuova campagna di rilievi nei pozzi piezometrici per capire quale sia ora lo stato dell'opera.

«Stiamo valutando i dati - conferma l'assessore Dara, titolare della delega all'ecologia e ambiente - per decidere poi come procedere. I tempi ormai sono lunghi, e una soluzione va trovata. Dati alla mano, decideremo come muoverci e l'amministrazione di cui faccio parte si riserva di valutare le azioni più consone e necessarie per chiudere questa vicenda».

Il Cardone attualmente viene utilizzato per allenamenti e per alcune partite; è uno stadio dotato di due tribune, una coperta e una scoperta, quest'ultima al centro, di recente, di una polemica per via dell'incuria in cui versa, con erba alta, sterpaglie e molti rifiuti abbandonati.
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi