A scuola con robot e computer, il Comune investe 70mila euro

Attrezzature informatiche per gli studenti di Gazzuolo: acquistati oltre 100 tablet. Il sindaco Contesini: «Vogliamo siano attrezzati per la didattica a distanza» 

GAZZUOLO. Scuole informatizzate, perfettamente in grado di gestire l’educazione a distanza. L’obiettivo, necessario per il periodo della pandemia e sicuramente utile anche per il prosieguo della futura attività didattica è stato raggiunto grazie all’Amministrazione comunale che ha messo a disposizione una corposa serie di attrezzature per un valore totale di quasi 70mila euro.

«Lo abbiamo potuto fare - spiega il sindaco Loris Contesini - grazie alla partecipazione ad un bando del Gal “Oglio-Po”. Attraverso questo abbiamo potuto beneficiare di un contributo di 56.238 euro, A questa somma abbiamo aggiunto la nostra compartecipazione di circa 20mila euro».


La scelta di dove indirizzare l’investimento informatico non è mai stata in discussione. «Con la parte più consistente dell’importo (68.917 euro ndr) sono state acquistate attrezzature informatiche per le scuole del territorio, in modo da garantire una Lim, una lavagna multimediale - prosegue il primo cittadino - per ogni aula ed attrezzature da fornire in comodato d’uso agli studenti delle medie e delle ultime due classi della scuola primaria in caso di didattica a distanza».Per la scuola materna, le attrezzature acquistate sono una lavagna interattiva multimediale; quindi 5 “Bee Bot” i robot programmabili da pavimento a forma di ape, strumenti che permettono la realizzazione di progetti o esperienze di robotica educativa nella scuola dell'infanzia. Infine un Notebook ed una stampante 3D. Per la scuola primaria la dotazione sale a 4 lavagne interattive multimediali e una Lim orizzontale per i più piccoli; 26 Chromebooks, tablet “leggeri” condivisibili con insegnanti e compagni di scuola e basati sul Web con cui accedere a Internet e ad app istruttive compreso il carrello di ricarica e una stampante 3D.

Infine per la scuola secondaria di primo grado, 3 Lim, 80 Chromebooks con 3 carrelli ricarica e una stampante 3D. L’attrezzatura informatica è stata consegnata venerdì al la Scuola secondaria di primo grado al dirigente scolastico Francesco Battini e alla fiduciaria del plesso Simona Madasi.

Una lavagna interattiva è stata prevista anche per il Centro sociale “Il divertimento”, da utilizzare per il centro stesso, ma anche - in caso di necessità - per allestire un’aula scolastica. Infine alla locale Casa di riposo Fondazione Caracci onlus sono stati messi a disposizione 2 tablet per agevolare la visite a distanza.

«Per ottimizzare l’utilizzo di queste nuove tecnologie annuncia infine Contesini - nei prossimi mesi in tutti i plessi sarà portata la connessione con fibra, con la ditta Mynet, inoltre grazie al contributo preso con il bando WiFi4EU sarà potenziato il Wi-fi interno ed esterno di tutti gli edifici scolastici».


 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi