Addio a Borghesani, l’ingegnere che fu sindacalista Cgil

Aveva 79 anni, nato e cresciuto a Mantova si è poi trasferito a Mogliano Veneto. Fatale il Covid

MANTOVA. È morto all’età di 79 anni, per Covid, l’ingegnere elettronico Franco Borghesani, storico sindacalista della Cgil e insegnante alle superiori. Nato, come la moglie e i tre figli, a Mantova, dove ha vissuto fino al 1971, tornava in città almeno due volte all’anno per far visita ai parenti della moglie e alle due sorelle. Viveva con la famiglia a Mogliano Veneto.



Borghesani fu assunto alla Montedison di Porto Marghera negli anni Sessanta. «Rinunciando alla facile carriera dirigenziale scelse la strada del consiglio di fabbrica – ricordano i colleghi milanesi – delegato di punta della Cgil nelle battaglie per l’ambiente e per i diritti dei lavoratori». Borghesani pagò con il licenziamento il suo impegno nei picchetti a fianco degli operai, durante gli anni di lotta al petrolchimico. Proseguì la sua attività professionale come insegnante nel capoluogo lombardo, fu delegato della Cgil scuola e terminò la sua carriera in un istituto superiore.

Borghesani lascia la moglie Maria Teresa Donelli e i figlio Marco, Giovanna e Paola. «Quel virus – commenta la famiglia – se l’è portato via senza darci nemmeno la possibilità di salutarlo».

L’addio questa mattina alle 11.40 con rito laico davanti al crematorio. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi