Covid, Fontana aspetta conferme «Siamo da zona arancione»

Il governatore ha spiegato che stando agli indicatori la Lombardia potrebbe chiedere il passaggio  già a partire da venerdi 27 novembre

MILANO. «Noi dal 27(domani, ndr) potremo chiedere di entrare nella zona arancione, anche perché i dati oggi addirittura ci accrediterebbero in zona gialla, ma io non voglio precorrere i tempi». Lo afferma il presidente lombardo Attilio Fontana durante un intervento a Zapping, su Radio 1. «I dati sono sicuramente molto incoraggianti, soprattutto in questi giorni- sottolinea il governatore- e noi da un punto di vista tecnico sono 15 giorni che saremmo entrati in zona arancione, però il Dpcm pretende che una volta che si cambi classe, bisogna confermare i dati per almeno due settimane»

Per l'assessore al Welfare Giulio Gallera «lo sforzo dei lombardi ha dato risultati che oggi sono sotto gli occhi di tutti», dunque «è giusto che si possa iniziare con una riapertura lenta, graduale che però deve essere accompagnata da grande senso di responsabilità, perché non dobbiamo ricadere a breve in una situazione di criticità». Lo ha detto a margine di una conferenza stampa in Regione, in merito al passaggio della Lombardia dalla zona rossa ad arancione. Su questo punto «ci stiamo confrontando con il Governo, non so se partiremo il lunedì o già il sabato», ha detto Gallera. Quanto agli indicatori, l'assessore ha poi ribadito quanto spiegato ieri sera durante una diretta Facebook: «C'è una riduzione quotidiana costante dei posti letto impegnati per Covid, sia in pneumologia sia in terapia intensiva. La situazione sta migliorando, mentre l'elemento che stiamo notando è un incrementi dei no Covid nei pronto soccorso. L'Rt di Milano dato dall'Ats è 0,86, quindi ampiamente sotto l'1».



 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi