Mantova, stop alla didattica a distanza: alle medie si torna nelle aule

Ore di incertezza nelle scuole in attesa della firma dell’ordinanza del ministro. Diversi presidi hanno informato le famiglie dell’imminente via libera al rientro

MANTOVA. I ragazzi di seconda e terza media rientrano in classe da lunedì. Un momento atteso da molti, tra genitori, insegnanti e alunni. È questa una delle novità portate dall’inserimento della Lombardia in zona arancione. Ieri sui siti di diversi istituti comprensivi sono comparsi dei comunicati visibili da tutti i genitori e gli alunni senza bisogno di ricorrere al diario elettronico, che avvisavano del possibile ritorno alle lezioni in presenza già dal 30 novembre. Un condizionale d’obbligo, in attesa della pubblicazione dell’ordinanza del ministro alla salute Speranza sulla Gazzetta Ufficiale pubblicata ieri pomeriggio.

«Si preannuncia il rientro in presenza delle classi seconde e terze della scuola secondaria di I grado, pertanto si allertano docenti, famiglie ed alunni, in vista del ritorno a scuola previsto presumibilmente per il giorno 30/11/2020. La presente nota informativa viene fornita in attesa di comunicazioni ufficiali da parte degli organi competenti. Sulla base di tali premesse, verrà ripristinata la situazione antecedente alla collocazione della Lombardia in zona rossa» si legge sul sito del comprensivo Mantova 3 relativamente alla media Bertazzolo. Al comprensivo Mantova 2 è stata una circolare inviata dalla dirigente a genitori e insegnanti ad annunciare che lunedì si rientrerà in classe.



Azioni informative utilissime, visto che anche se nel Dpcm già era chiarito che il declassamento alla zona arancione avrebbe comportato la fine della didattica a distanza, le famiglie sono rimaste un po’ disorientate per la carenza di informazioni ufficiali.

Va detto che le prime voci di una probabile riapertura delle aule alle seconde e terze medie (per le prime, come per le elementari e le materne, non si sono mai chiuse) erano già circolate venerdì. Ai dirigenti è arrivata una nota riservata, con la quale lo stesso provveditore Daniele Zani li informava dell’imminente passaggio in zona arancione con la conseguente possibilità di far tornare in aula i ragazzi delle seconde e delle terze. È stato il governatore lombardo, Attilio Fontana, a ufficializzare nel pomeriggio di ieri la firma dell’ordinanza da parte del ministro e quindi la riapertura completa delle scuole medie.

«Lombardia arancione, l'ordinanza è firmata – ha scritto il presidente su Facebook – c'è ancora tanta strada da fare, manteniamo comportamenti prudenti, distanza e mascherine, per rafforzare il miglioramento dei dati e liberare gli ospedali. Da lunedì i ragazzi delle medie frequenteranno la scuola in presenza. Da domani (oggi per chi legge, ndr) i negozi possono riaprire e aggiungo il mio consiglio: compriamo italiano, compriamo lombardo. Aiutiamoci».

La guida allo shopping del Gruppo Gedi