Positivi in continua crescita, contromisure a Borgo Virgilio

Il report del Comune: casi saliti da quattro a cento tra agosto e fine novembre Riaperti i bandi per il sostegno di affitti e utenze: a disposizione 63mila euro

BORGO VIRGILIO. Un report curato dal settore servizi sociali per monitorare l'andamento dell'epidemia nel comune di Borgo Virgilio. Dopo un primo bilancio stilato per i primi sei mesi dell'anno, l'amministrazione comunale ha prodotto un aggiornamento che comprende il periodo da agosto al 25 novembre. All'interno di "Borgo Virgilio ai tempi del Covid-19" sono raccolte misure e attività svolte durante l'emergenza. Si parte dal dato dei positivi, con una crescita costante dall'estate ad ora. La media degli attualmente positivi è stata di 4 ad agosto, 7 a settembre, 23 a ottobre e 80 a novembre, con un picco di 100 negli ultimi giorni del mese.

Dal 2 al 30 novembre è stato indetto il secondo bando a sostegno dell'affitto, a favore di nuclei che si sono trovati in difficoltà economica anche a seguito dell'emergenza sanitaria o che già prima si trovavano in stato di fragilità o vulnerabilità. Ad oggi sono pervenute 23 domande. Nel primo bando le domande erano state 168: 89 ammesse e 21 ammesse ma non finanziate e per le quali sono arrivati nuovi fondi. Per le nuove domande sono a disposizione 29mila euro.


Sono state 74, invece, le domande pervenute per il bando di assegnazione dei contributi economici finalizzati al pagamento delle utenze domestiche. In totale sono stati messi a disposizione 34mila euro, metà dal Comune e metà da Tea. I fondi non sono terminati, tanto che si pensa ad ulteriori azioni in questa direzione.

Dal 12 novembre è stato riattivato lo sportello gratuito di ascolto psicologico a cura della psicologa e psicoterapeuta Chiara Prati, rivolto ai residenti nel Comune. Il servizio in questa seconda ondata è stato esteso anche alle persone che sono in quarantena o isolamento e necessitano di un supporto psicologico. Servizio attivo da lunedì a venerdì, dalle 13 alle 14.30, al numero 340/8240064.

Sul tema controlli è stato assunto un ufficiale di polizia locale per la gestione della centrale operativa e per meglio coordinare le pattuglie impegnate nell'attività sul territorio. Dal 12 ottobre al 13 novembre sono state controllate 286 persone e 374 attività. Dieci i controlli a domicilio per persone in quarantena. Controlli motivati da mancanza di dati o informazioni da parte del Comune o per la verifica della presenza al domicilio e dell'effettiva quarantena sui casi sospetti. Otto i casi di classi scolastiche in quarantena dopo il rilevamento di casi di positività. Nelle scorse settimane isolate anche tre docenti della scuola d'infanzia. Anche le associazioni del territorio e le Caritas parrocchiali sono state coinvolte nell'emergenza. Si è tenuto un incontro allo scopo di creare una rete di volontari che permetta di contattare e tenere i contatti con le persone sole, oggi ancora più isolate dall'emergenza sanitaria.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi