In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Volontari all’opera per portare la spesa alle persone sole

Raccolti 300 chili di frutta e verdura per la Bottega solidale. Da Porto in Rete incontri telefonici per over 75 e orto sociale

1 minuto di lettura

PORTO MANTOVANO. Porto in Rete rappresenta il volontariato sul territorio. Quest’anno è stato un anno particolarmente duro per tutti, associazioni di volontariato comprese, ma Porto in Rete attraverso i suoi volontari ha cercato di mettersi al servizio del territorio cercando di recitare un ruolo attivo nell’emergenza.

Grazie alla sinergia con l’amministrazione comunale, al sostegno di Fondazione Comunità Mantovana e al supporto di CSV Lombardia sud, durante il primo lockdown è stato possibile attivare numerosi servizi a supporto della comunità. In primis è stato attivato un servizio che ha reso possibile la consegna a domicilio di oltre 350 spese alimentari a persone over 65 o senza rete familiare, questo servizio è stato reso possibile grazie anche alla disponibilità di realtà del territorio quali Conad, Tessadri e Tigotà. Nello stesso periodo una cinquantina di volontari delle varie associazioni insieme alla Protezione Civile si prodigavano per la distribuzione di mascherine casa per casa ad ogni nucleo familiare per un totale di 13.000 consegne in due turni. A fianco a questi servizi più pratici si è sentito la necessità di dare ascolto a tutti quegli anziani costretti in casa e soli, così è partito il progetto “Incontriamoci al Telefono” che tutt’ora prosegue e vede impiegati 23 volontari che si prendono cura di 35 anziani over 75.

A fianco di questa situazione straordinaria c’è stata l’amministrazione ordinaria dei due spazi affidati a Porto in Rete: il Drasso Park e L’Orto Sociale con annessa Bottega solidale. Il Drasso Park, nonostante le limitazioni legate ai dpcm, è stato luogo di aggregazione sociale non solo per gli eventi ma anche nella sua manutenzione. L’Orto Sociale in pochi mesi è riuscito a vedere volontari e non alternarsi al suo interno per un totale di 963 ore. Fino ad oggi sono stati raccolti 319 chili tra frutta e verdura da destinare alla Bottega solidale che si occupa di sostenere le famiglie in difficoltà del nostro territorio.

«Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno reso possibili le attività di quest’anno davvero complicato. Mettere assieme oltre 2mila ore di azioni di volontariato è sicuramente un forte segnale alla comunità. Molto resta ancora da fare -aggiunge il presidente Massimo Avigni- ma insistiamo perché crediamo nel volontariato e nella nostra comunità, con il contributo indispensabile della Regione, che per il quarto anno consecutivo finanzia i nostri progetti, e la collaborazione con le realtà del territorio siamo certi di poter crescere ancora». Ad oggi attivi il servizio per la consegna delle spese e dei libri della biblioteca comunale a domicilio». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I commenti dei lettori