L’Ariston accende le luci: la riapertura è simbolica

Domenica iniziativa degli esercenti lombardi: «I film? Si vedono al cinema». Silvia Protti: «Anno disastroso, il calo di spettatori e incassi è dell’80%»

MANTOVA. Una riapertura simbolica per ribadire che il luogo deputato a guardare i film è, e resterà, la sala cinematografica. L’iniziativa, nata da un gruppo di gestori di cinema lombardi, è fissata per domenica. Nella nostra provincia sarà la multisala Ariston ad aprire le porte e a riaccendere le insegne. «Le previsioni indicano un calo di spettatori e di incassi dell’80%, rispetto al 2019 – riferisce Silvia Protti, della famiglia dei gestori di Ariston e Cinecity – Pesante si prospetta la chiusura per le festività natalizie, il periodo più importante dell’anno».

I cinema sono stati chiusi il 23 febbraio, per il primo lockdown, poi riaperti in estate, e di nuovo bloccati il 24 ottobre. «La chiusura è prorogata al 15 gennaio, la speranza è di riaprire subito dopo quella data. I ristori? Per il periodo di marzo e aprile è arrivato qualcosa in questi giorni, per quelli della seconda ondata siamo in attesa».


Domenica, dunque, si cercherà di tenere alta l’attenzione su un settore provato da un anno pieno di difficoltà. «I cinema rappresentano un autentico presidio culturale, sociale ed educativo – sottolineano i gestori lombardi in un comunicato collettivo – per l’insostituibilità dell’esperienza della visione collettiva sul grande schermo, e la capacità di far vivere al pubblico un momento d’incontro e di relazione interpersonale, dal vivo. Al momento, però, si sente parlare di cinema soltanto a proposito delle piattaforme streaming».

Ogni cinema lancerà iniziative specifiche. Così farà l’Ariston, che sarà aperto dalle 15. 30 alle 18. 30. Tra le iniziative previste, il lancio della Cineview card, una card prepagata da utilizzare nei cinema gestiti dalla famiglia Protti: Ariston, Cinecity e arene estive. Potrà essere usata tutti i giorni, per qualsiasi tipo di film o evento, e permetterà di entrare scalando dalla card l’importo corrispondente al prezzo ridotto per lo spettacolo. Saranno disponibili anche mascherine CineMask, realizzate in tessuto doppio strato, lavabili, riutilizzabili e certificate.

Le mascherine sono brandizzate con i film più attesi, in uscita nei prossimi mesi al cinema: “Diabolik”, “Minions” e “The Croods”. A disposizione anche il libro “Un orizzonte chiamato cinema: Mantova e l’Italia dal 1904 ad oggi nella storia della famiglia Protti”, storia del cinema dalla nascita ad oggi vista attraverso gli occhi di una famiglia mantovana che ne ha seguito l’evoluzione dal principio, attraversando cambiamenti epocali. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi