Contenuto riservato agli abbonati

Trentatré Comuni mantovani in rete contro l’azzardo: in cantiere un progetto da 173mila euro

Coinvolti gli ambiti di Suzzara, Mantova e Ostiglia: tra gli obiettivi, uniformare i regolamenti. I malati di gioco sono 8mila

MANTOVA. Malati d’azzardo, all’affannosa rincorsa di un riscatto che li precipita sempre più in basso: si calcola siano 8mila i giocatori patologici della provincia di Mantova, almeno 10mila le famiglie coinvolte, perché la dipendenza guasta sempre la geografia degli affetti, ma soltanto in 150 sono approdati al Serd, il servizio dell’Asst, ammettendo di avere un problema. Numeri che raccontano di una malattia sociale, da curare con una terapia larga e coordinata, come quella messa a punto attraverso il progetto “Come gioco?”: la chiave sta nella rete, che copre tre ambiti (i distretti di una volta) e trentatré comuni.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Vita e opere dell'arpista Clelia Gatti nel video girato al cimitero di Mantova

La guida allo shopping del Gruppo Gedi