A Canneto un patto con i cittadini per rilanciare i negozi 

Il Comune vara una manovra da 30mila euro. Il sindaco scrive ai residenti: «Privilegiate gli acquisti locali»

CANNETO SULL'OGLIO. Un aiuto da parte dell’amministrazione comunale al settore del commercio e agli esercenti locali. Accompagnato da una lettera aperta del sindaco Nicolò Ficicchia che si è rivolto direttamente ai cittadini, chiedendo di unire gli sforzi e avviare «un patto per la ripartenza».

Sono i contenuti dell’iniziativa RipartiAmo ideata dall’amministrazione comunale e dotata di un budget di 30mila euro.


«Una cifra che per il commercio non ha precedenti nella storia del nostro Comune» spiega Ficicchia. L'iniezione di liquidità avverrà attraverso un bando, che è già stato emesso e al quale si può partecipare entro giovedì prossimo. L’invio della richiesta va fatta attraverso la posta certificata del Comune (cannetosulloglio.mn@legalmail.it) oppure di persona all’ufficio protocollo in Municipio.

La partecipazione è stata estesa, oltre che al commercio al dettaglio, anche ai bar e ai ristoranti, agli affittacamere e ai B&B, alle lavanderie e ai parrucchieri e ai centri estetici. Il contributo verrà erogato nella misura di 700 euro una tantum per le imprese commerciali e di servizio che abbiano subito periodi di chiusura a seguito del Dpcm del 3 novembre scorso, 350 nel caso abbiano avuto la possibilità di rimanere aperte.

Ma l’erogazione è solo la prima parte della “manovra di Natale” dell’amministrazione Ficicchia. La seconda, è l’appello a tutti i cittadini affinché si stringa un patto di solidarietà all’interno della comunità. In modo da favorire gli acquisti locali. Da qui la lettera-appello firmata dal sindaco. «Bando e lettera – spiega l’assessore GianlucaBottarelli – sono stati diffusi sui social, web e Facebook, e mandate anche agli studi dei commercialisti sul territorio in modo che arrivasse ai clienti che lavorano in attività commerciali. L'anno scorso è stato anche creato un gruppo whatsapp delle attività di Canneto in modo da avere un contatto diretto con i commercianti. Ho diffuso la lettera anche con il gruppo trovando riscontri e apprezzamenti».

Nella missiva del primo cittadino si ricordano le misure già avviate, come la riduzione del 25% della tassa rifiuti alle utenze non domestiche, la proroga dell’Imu e l’esenzione Cosap sino a fine anno. «Ora crediamo che la ripartenza economica debba essere accompagnata da un ritrovato senso di comunità – conclude Ficicchia – unendo gli sforzi dei cittadini ai nostri per gettare le basi di una vera e convinta ripartenza».




 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La Palma, il drone riprende il fiume di lava che si fa largo tra le case

La guida allo shopping del Gruppo Gedi