Nuova ordinanza per Mantova, le reazioni degli operatori: «Per noi altri sacrifici in più, ma era giusto intervenire»

Confcommercio e Confsercenti puntano l’indice contro l’incertezza del governo: «Non sappiamo come organizzare le nostre attività» 

MANTOVA. Frustrati dall’incertezza governativa, che fiacca affari e umore, ma persuasi della mossa del sindaco Mattia Palazzi, che con la sua ordinanza ponte ha provveduto a tappare il buco di questo weekend. Così baristi e commercianti. «Sono d’accordo, è giusto che il sindaco sia intervenuto dopo quello che è successo domenica scorsa – scandisce Mattia Pedrazzoli, titolare del bar Brasile, in via Calvi, e rappresentante della categoria nel perimetro di Confcommercio – certo, si tratta di qualche sacrificio in più, ma l’alternativa poteva essere la chiusura, già adottata da qualche altro sindaco e presidente di Regione. Se collaboreremo? Certo, i rapporti con la polizia locale sono quotidiani».

Il tono si fa aspro quando dalla dimensione di Mantova si passa al livello nazionale: «Possibile che il governo arrivi sempre all’ultimo minuto? Non sappiamo ancora cosa succederà a Natale, ma abbiamo fornitori e dipendenti da avvertire – va alla carica Pedrazzoli – dal punto di vista sanitario avrebbe pure senso chiudere, il periodo delle feste è difficile da gestire e affrontare per i pubblici esercizi, i locali si riempiono e noi gestori dobbiamo fare da poliziotti, assumendocene la responsabilità. Il problema è questo tira e molla, mentre già si parla di una terza ondata. Insieme ai ristori serve una programmazione seria, occorrono degli automatismi perché l’incertezza è devastante, anche dal punto di vista psicologico».


L’incertezza, nel periodo clou dell’anno, finisce anche nel mirino del direttore di Confesercenti Mantova, Davide Cornacchia: «I commercianti non sanno come organizzare i propri negozi e gli approvvigionamenti, è tutta la filiera ad essere in difficoltà, ancora una volta viene a mancare la programmazione – riferisce – pur comprendendo la complessità dell’emergenza sanitaria, in Italia viene tutto affrontato in maniera imbarazzante. All’estero sono molto chiari sia sulle chiusure sia sui ristori». L’ordinanza di Palazzi? «Siamo favorevoli a ogni disposizione che permetta alle imprese di restare aperte – risponde Cornacchia – siamo per il pugno duro con chi non rispetta le regole, anche perché cosi si rischia di far sentire stupido chi invece le osserva».

Video del giorno

La Gazzetta in campo - La pallavolo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi