Contenuto riservato agli abbonati

«Noi albergatori siamo alla frutta»: a Mantova i fatturati crollano del 70%

Pasqua 2020: il centro storico svuotato dal lockdown. Federalberghi stima che la stagione possa ripartire dalla Pasqua del 2021

L’analisi di Federalberghi: se tutto va bene il settore tornerà in pari nel 2023. «Delle settanta strutture ricettive della provincia alcune non riapriranno più. Cosa chiediamo al governo? Finanziamenti a tassi agevolati per ristrutturare e abbellire» 

MANTOVA. «Difficile pensare a un anno peggiore di questo» sospira il presidente di Federalberghi Confcommercio, Gianluca Bianchi. L’anno del grande contagio planetario ha compresso il raggio dei movimenti in un singhiozzo di chiusure e riaperture che ha mandato in fumo il 70% del fatturato degli alberghi. Le stime per il futuro leggono un recupero lento, che riporterà il settore in pari soltanto nel 2023, sperando che il vaccino anti-Covid permetta di archiviare questa tempesta sanitaria, economica ed emotiva.

Non recrimina Bianchi, di fronte a una pandemia si è tutti disorientati, e i paesi dove i ristori sono più robusti hanno un rapporto debito Pil che è la metà di quello italiano, ma da presidente di Federalberghi interviene a raccontare l’affanno di «un settore alla frutta». «Si sente tanto parlare di bar e ristoranti, ma le strutture ricettive sono ancora più penalizzate – osserva – senza con questo voler negare le sofferenze altrui. Diciamo che bar e ristoranti hanno più chance, sono frequentati dai “locali”, la gente ci vuole andare. Noi, invece, siamo a zero, nessuno può girare per turismo e anche la clientela business si è ridotta tantissimo, senza più fiere e con lo smart working».

I ristori? Mettendoci dentro tutto, pure l’esenzione dell’Imu e gli ammortizzatori per i dipendenti, calcola Bianchi che il governo ha coperto un 14% del fatturato, contro una perdita media del 70%, con punte estreme del 100% per chi nell’anno del Covid è rimasto sempre chiuso (in centro a Mantova il Rechigi e il Broletto, ad esempio). «Ci saranno strutture che non riapriranno proprio, anche tra la settantina di hotel della provincia di – prevede il presidente di Federalberghi – Il futuro prossimo? Gennaio, febbraio e marzo saranno più o meno come adesso, speriamo che i sacrifici attuali e il vaccino possano far ripartire la stagione gradualmente a partire da Pasqua. Per il 2021 ci aspettiamo comunque un calo del 50% e per l’anno successivo del 20%. Dovremmo tornare in pari nel 2023».

La beffa è che gli alberghi potrebbero restare aperti pure in zona rossa, ma senza clienti che senso ha? «Nel nostro caso non si può nemmeno dire che i consumi si siano depressi – ragiona Bianchi – la gente ha sempre voglia di viaggiare, forse ancora di più, ma il prodotto non lo si può consumare». Vero, anche se preoccupano i milioni di disoccupati di rimbalzo che l’Italia si attende in primavera, quando si disinnescherà il divieto di licenziare. Senza lavoro e prospettiva, come s’incoraggiano i consumi?

Una cosa per volta, adesso la domanda è: cosa chiedono gli albergatori al governo? «Che promuova il paese e ci conceda dei finanziamenti a tassi agevolati per ristrutturare i nostri alberghi, per renderli competitivi con il resto del mondo. Io nel futuro ci credo» risponde Bianchi. Con lo sguardo oltre la tempesta.

Video del giorno

Morte di De Donno, il dolore del suo sindaco

La guida allo shopping del Gruppo Gedi