Centrodestra all’attacco: a Mantova serve la tangenziale ovest

In vista della seduta di martedì 29 dicembre  le osservazioni alle linee di mandato di Palazzi.  Tra le altre richieste le ztl flessibili e la metropolitana leggera per l’aeroporto

MANTOVA. Infrastrutture non più rinviabili come la metropolitana di superficie per l’aeroporto Catullo, la tangenziale ovest di Mantova per chiudere l’anello; e poi le Ztl flessibili per favorire il commercio in centro e la domotica assistenziale per anziani e disabili. Sono alcune delle proposte che il centrodestra avanza in vista della seduta di oggi del consiglio comunale (ore 17.30) in cui il sindaco Mattia Palazzi enuncerà le sue linee programmatiche per i prossimi cinque anni cercando l’approvazione dell’aula.



Le osservazioni sono contenute in 27 emendamenti firmati da tutti i consiglieri di centrodestra in cui, però, al primo posto figura il lavoro, «il punto principale del nostro programma elettorale» afferma il leader della coalizione tra Mantova ideale, Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia, Stefano Rossi.

Che coglie l’occasione per un affondo contro il primo cittadino: «Il lavoro è anche al primo posto delle linee di mandato di Palazzi, e questo ci fa piacere. Specie in un periodo come questo che vede prepotentemente tornare d’attualità la questione Corneliani. Se pensiamo a come sono stati presi in giro i lavoratori con i proclami estivi del sindaco che, insieme alla Cgil, affermava che tutto era risolto e che entro settembre sarebbero arrivati i 10 milioni di euro dello Stato, capiamo finalmente come tutto fosse un terribile bluff elettorale».



Sul fronte del lavoro il centrodestra propone la creazione di un incubatore-acceleratore d’impresa, un luogo dove aziende, università, istituti di ricerca ed esperti di settore mettono a disposizione fondi e competenze per lo sviluppo tecnologico e la creazione di start-up innovative. Sul fronte delle infrastrutture viene rilanciata la tangenziale ovest dal rondò del Gigante a quello della Malpensata-Gombetto, con il «ponte al contrario» per attraversare il lago Superiore.

Servirebbe anche la metropolitana di superficie tra Mantova e Verona per velocizzare i collegamenti tra le due città, raddoppiando il binario tra Mantova e Villafranca per favorire anche il collegamento con l’aeroporto Catullo. I soldi dovrebbero arrivare dal ministero e dalle Regioni Lombardia e Veneto. Quanto alle ztl flessibili, si dovrebbe consentire l’accesso al centro tra le 17.30 e le 19.30 per agevolare, nei giorni feriali, gli acquisti nei negozi della zona al termine della giornata lavorativa. Dovrebbe essere introdotta la ztl «ferma compra e vai», una convenzione con i negozi per non pagare la prima ora di sosta se si dimostra di aver fatto acquisti in centro. Il centrodestra chiede anche che venga istituito un mercato permanente di frutta e verdura in piazza Erbe.

La domotica assistenziale è un’altra richiesta: bisogna che il Comune «dia un contributo alla fornitura e all’installazione di componenti che consentano, da remoto, di conoscere lo stato di salute di anziani e disabili». Si reclamano poi azioni mirate al sostegno della famiglia tradizionale sperimentando anche nuove modalità per intercettare i loro bisogni.

«Vorremmo anche un presidio di polizia al pronto soccorso dell’ospedale Poma -– dice Rossi – un programma di ampio respiro sulle mostre su Dante nel 2020-2021 per riscoprire gli aspetti danteschi di Mantova, sul Risorgimento nel 2021-2022, nel 170° della congiura di Belfiore, su Mantova città shakespeariana nel 2022-2023, a 400 anni dalla morte del poeta inglese valorizzando il rapporto con Verona, e su Palazzo Te che nel 2024-2025 festeggerà i 500 anni dall’inizio dei lavori di costruzione. I tour operator potrebbero predisporre dei pacchetti turistici legati a questi eventi.

E ancora, chiediamo la realizzazione di un cimitero per animali d’affezione, l’organizzazione di una banca del farmaco, la promozione del turismo religioso e un info point nel centri del lago di Garda per far conoscere Mantova».
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi