In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Effetto virus all’anagrafe, Viadana nel 2020 torna sotto i ventimila abitanti

Impennata di decessi (+56%) legata all’emergenza sanitaria mentre le nascite continuano a essere poche. Ma rimane l’attrattività per gli stranieri

RICCARDO NEGRI
1 minuto di lettura

VIADANA. Nel corso del 2020, anno della pandemia da coronavirus, la popolazione residente nel territorio comunale viadanese è diminuita. A pesare è il saldo demografico, pesantemente negativo a causa delle poche nascite e dei parecchi decessi registrati in confronto agli anni scorsi.

A fornire il bilancio demografico è Martino Conforti, responsabile dei servizi anagrafici municipali. Nell’ultimo giorno del 2020 la popolazione residente a Viadana era di 19.980 cittadini (9.958 maschi e 10.022 femmine). Si è tornati ai livelli del 2016, dopo che per tre anni di seguito il numero dei residenti aveva superato quota 20mila. Il 31 dicembre 2019 i residenti erano 20.056: in dodici mesi sono diminuiti, dunque, di 76.

Nel corso dell’anno appena terminato si sono contati 135 lieti eventi (72 femmine e 63 maschi); sono morti, invece, 147 maschi e 143 femmine, per un totale di 290 decessi: il saldo naturale è pari pertanto a meno 155, una cifra mai raggiunta in passato (il record era il meno 54 degli anni 2018 e 2003).

I morti ufficiali con Covid sono sinora una settantina; è verosimile però che un certo numero di casi sia sfuggito alla conta. Nel 2019 erano nati 155 bambini (20 in più) e si erano contati 186 decessi (ben 104 in meno). L’incremento dei decessi, legato con ogni evidenza all’emergenza sanitaria, è stato quasi del 56%. Sinora il record di decessi era il 207 fatto registrare nel 2011.

Nonostante le difficoltà legate alla situazione economica, il territorio viadanese è rimasto per certi versi attrattivo: l’anno scorso si sono contati 684 immigrati (360 maschi e 324 femmine) contro 603 emigrati (326 maschi e 277 femmine), per un saldo migratorio pari a più 81. Nel 2019 il saldo migratorio era stato più 7; a parte rare eccezioni, tuttavia, negli ultimi vent’anni il saldo era stato costantemente in tripla cifra, in molti casi vicino o superiore a quota 300. Le principali cittadinanze straniere presenti sul territorio sono quelle indiana (1.071 residenti), rumena (538) e albanese (419).

Altro dato significativo: al 31 dicembre il numero dei nuclei familiari residenti era 8341, più 50. Aumentano evidentemente i cittadini che vivono soli.

I commenti dei lettori