Videocontrollo, nuovo sistema per Medole, Ponti e Solferino

MEDOLE

La Polizia Locale dell'Unione dei Comuni dei Castelli Morenici - e cioè i comune di Medole, Ponti sul Mincio e Solferino - ha ottenuto un importante finanziamento sul fronte sicurezza. I tre paesi, infatti, avranno un sistema varchi - le telecamere che leggono le targhe - nuovo di zecca che verrà installato grazie al finanziamento al 50% che è stato ottenuto con il lavoro degli uffici della Polizia Locale coordinati dal comandante Achille Bertagna. La somma totale è di 245.000 mila euro per creare tre sistemi a forma di circonferenza che proteggeranno i centri dei tre comuni. «Il vantaggio di essere in Unione - spiega il comandante Bertagna - è anche questo e cioè la possibilità di vincere dei bandi importanti che consentono migliorie su tutti e tre i comuni. Ora i nostri tre paesi avranno questo strumento tecnologico in più, frutto di un indirizzo politico preciso delle tre amministrazioni, che si va ad unire al sistema di videosorveglianza che abbiamo riattivato e potenziato e che andrà a integrarsi con il nuovo sistema varchi».


Bertagna, dunque, che coordina gli agenti di polizia locale da alcuni mesi, fa sapere di «aver scelto tecnologia di alta qualità, di produzione americana e, allo stesso tempo, abbiamo già a disposizione i server necessari sia per gestire i tre nuovi impianti, sia per archiviare e gestire le immagini che arrivano grazie al sistema di video sorveglianza». Non ultimo, gli investimenti fatti - grazie a un bando regionale - sul fronte body cam, dash cam e foto trappole. «Nel caso di Solferino - ma anche sul territorio di Ponti e Medole l'impegno è costante - di recente abbiamo fatto indagini per dei rifiuti trovati nelle campagne e il nostro lavoro consiste nello spostare le foto trappole, scaricare le immagini ogni settimana, studiarle, cercare i colpevoli e arrivare alle sanzioni».

Per quanto riguarda il nuovo sistema varchi, si punta a vederlo operativo già fra due mesi e il comune che avrà più apparecchiature è Solferino. «Un ulteriore passo verso una maggior sicurezza - conclude Bertagna - che fa parte di un lavoro di coordinamento che abbiamo attivato e che passa anche da una gestione coordinata delle telefonate e, di recente, anche dall'istituzione di una nuova mail: polizialocale@unionecastellimorenici.it». —



La guida allo shopping del Gruppo Gedi