Mantova, il via ai saldi Covid non delude: tira anche l’acquisto a distanza

Le associazioni: la caccia all’affare c’è ma gli incassi coprono appena le spese. Soddisfatti all’outlet «anche se sono mancati i clienti dell’Emilia e del Veneto»

MANTOVA. Gli assalti ai negozi sono ormai ricordi del passato, ma il primo giorno di saldi nel centro cittadino viene archiviato con moderata soddisfazione dai commercianti. Un afflusso che è cresciuto con il passare delle ore, con vie e piazze più vive nella seconda parte del pomeriggio, anche grazie agli aperitivi andati in scena fino alle 18 e al termine della giornata lavorativa.

«La gente in giro c’è, considerando che è giovedì – spiega Stefano Gola, referente della sezione cittadina di Confcommercio – la cosa positiva è che le persone hanno dimostrato di volerci bene, capiscono le nostre difficoltà. In tanti dicono di non acquistare volutamente su internet per venire nei negozi. Per quanto riguarda gli incassi, non si possono comunque fare paragoni con il passato. Ormai si rientra al massimo delle spese. Spese che sono rimaste anche in questi mesi di difficoltà».



Nel cuore della città le persone con le borsine non mancano e qualche minima coda si registra davanti ad alcuni negozi. In particolare intimo, accessori e calzature. Da sottolineare che in molti hanno anticipato gli acquisti al periodo natalizio, visto che i divieti alle promozioni pre-saldi sono state tolte dalle Regioni. La caccia alle migliori offerte, dunque, era in realtà già scattata nelle scorse settimane, depotenziando, o spalmando su un periodo più ampio, il tradizionale impatto dei saldi. A preoccupare i commercianti e a disorientare i clienti sono i cambi di zona previsti. Da gialli ad arancioni nel weekend, con il punto di domanda della prossima settimana.

«Le persone a caccia di occasioni non sono mancate ma c'è confusione in chi fa acquisti – commenta DavideCornacchia, direttore di Confesercenti Mantova – bene la sicurezza sanitaria, ma serve chiarezza. In tanti chiamano i negozi chiedendo se possono spostarsi, raggiungere il capoluogo dai paesi vicini. Forse anche per questo, i saldi in periodo Covid sono multicanali. Non solo in presenza, in molti acquistano nel negozio di fiducia utilizzando l'online. Prospettive per il weekend? I saldi sono da sempre legati anche alla voglia di socializzare. Si fanno acquisti e magari ci si ferma al bar per un aperitivo. Sabato e domenica i pubblici esercizi saranno chiusi, questo potrebbe incidere».



Al Mantova Village di Bagnolo l’affluenza, pur imparagonabile con quella di un primo giorno di saldi pre Covid, viene ritenuta positiva. «La zona gialla penalizza, i clienti di Emilia e Veneto non possono raggiungerci – sottolinea Sara Sirocchi, marketing manager del centro – il riscontro è stato comunque buono, con clienti determinati all'acquisto. Le persone hanno voglia di uscire e acquistare».

Negozi più gettonati ieri, quelli di materiale sportivo e casalinghi. Tra le novità, l'ampliamento de La Piadineria, che ha aumentato i suoi spazi inglobando i locali del negozio vicino.




 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Vita e opere dell'arpista Clelia Gatti nel video girato al cimitero di Mantova

La guida allo shopping del Gruppo Gedi